20/05/2018possibile temporale

21/05/2018velature sparse

22/05/2018pioviggine

20 maggio 2018

Vittorio Veneto

Verbali lacunosi a Serravalle? "Per non far fare brutta figura a Costa"

La replica secca del presidente del comitato di quartiere Mognol

Roberto Silvestrin | commenti |

verbali lacunosi a serravalle

VITTORIO VENETO - Risposta piccata del presidente del consiglio di Serravalle-Sant’Andrea Alessandro Mognol alle “accuse” mosse ieri sera dall’assessore all’ambiente Giuseppe Costa. Il rappresentante della giunta, parlando di mobilità sostenibile, ha dichiarato in consiglio comunale di aver “trovato una lacuna” nel verbale del comitato di quartiere del 25 settembre.

 

“In quella seduta ho invitato il quartiere a formulare una proposta su dove potesse essere collocata, nel progetto di uscita del traforo, la pista ciclabile. Avevo fatto questa proposta, ma leggendo il verbale non ho letto alcunché”.

 

Decisa la replica di Mognol: “Sulla pista ciclabile il quartiere si era già espresso contrariamente ad aprile in quanto una pista ciclabile sullo svincolo del traforo non ha senso. Se proprio l'assessore vuole una pista, che la preveda lungo il lato verso il cimitero, così da non espropriare ulteriore terreno ai proprietari già pesantemente colpiti”.

 

E sulla mancata trascrizione della proposta ha rincarato la dose: “Invito l'assessore a leggere i verbali del quartiere prima di fare dichiarazioni sbagliate in consiglio comunale e di accusare di aver deliberatamente scritto un verbale lacunoso. Se questa parte manca è proprio per non far fare una brutta figura all'assessore che non legge i verbali del consiglio”.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.936

Anno XXXVII n° 10 / 24 maggio 2018

VI RACCONTO UNA FAVOLA. LA MIA

La strada verso Iasi. Abbandonata alla nascita in Romania, Georgiana viene adottata a 7 anni da un imprenditore di Vittorio Veneto e dalla moglie. Poi il padre muore, e lei parte alla ricerca delle sue origini…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×