25/02/2017sereno

26/02/2017velature sparse

27/02/2017parz nuvoloso

25 febbraio 2017

Veneto indipendente, raccolta firma in 270 Comuni

1 e 2 marzo: Lega Nord allestisce gazebo nelle piazze

VENEZIA - Sono finora 270 i Comuni nei quali la Lega Nord allestirà nel week-end dell'1 e 2 marzo i gazebo per la raccolta delle firme a sostegno di un referendum per l'indipendenza del Veneto. Lo ha annunciato, fissando l'obiettivo in 300-400 piazze, il segretario del Carroccio, Matteo Salvini (in foto), che a Venezia ha presentato l'iniziativa assieme al presidente della Regione, Luca Zaia, e ai consiglieri regionali leghisti.

 

"Ci aspettiamo una marea di gente che magari mai voterà Lega - ha detto Salvini -, ma che vuole essere padrona a casa sua. Intendiamo dare il segnale dell'inizio della fine dello Stato centralista. Tutta l'Europa va in questa direzione, come confermano gli esempi di Catalogna e Scozia, e l'obiettivo della Lega è quello di diventare punto di riferimento degli indipendentisti in tutta Italia, ma anche a livello europeo. E chiediamo il sostegno dei Veneti".

 

Salvini ha spiegato che sono in stampa centinaia di depliant e di adesivi per la manifestazione. "Sul referendum per l'indipendenza - ha detto Luca Zaia - noi abbiamo investito tutte le nostre forze, per dare l'opportunità ai veneti di esprimersi in un momento in cui l'Europa geo-politicamente è in fermento, in un percorso comune tra cittadini e istituzioni. Questo è un referendum di 'legittima difesa', visto che la Costituzione federalista del 1948 è gestita in maniera centralista: un'opportunità non facile, né automatica, perché, se dipendesse solo da me, il Veneto sarebbe già indipendente".

 



Loading...

Commenta questo articolo



vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Otto casi di meningite nella provincia di Treviso. Sei preoccupato?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.908

Anno XXXVI n° 4 / 2 marzo 2017

LA CHIAVE DEL SUCCESSO

Imprenditrice (di successo), mamma (di sei figli), figlia di un deportato in campo di concentramento. Mariacristina Gribaudi, amministratore delegato dell’azienda Keyline di Conegliano, ne ha di cose da raccontare. Oltre che da fare. Ancora. E ancora.

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×