19/10/2017nebbia e schiarite

20/10/2017tempo nebbioso

21/10/2017variabile

19 ottobre 2017

Castelfranco

Veneto Cable Park, attesa nel weekend la nazionale di wakeboard

L'impianto di Resana ospiterà i riders della nazionale italiana che si alleneranno in vista dei campionati di Europa Africa

commenti |

RESANA - E' iniziato il conto alla rovescia: è atteso per venerdì l'arrivo della nazionale italiana di wakeboard presso il Veneto Cable Park di Resana, il nuovo “fullsize cable wake park” situato sul lago privato di Boscalto a Resana in provincia di Treviso e ai confini con quella di Padova La squadra diretta dai tecnici Ludovico Vanoli e Alberto Della Beffa ha scelto l'impianto trevigiano per compiere gli allenamenti in vista dei campionati di Europa ed Africa in programma ad El Gouna in Egitto dal 25 novembre al 2 dicembre.

 

Per tre giorni, da venerdì 13 ottobre a domenica 15 ottobre dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 17.00 alle 19.00 la struttura sarà interamente riservata per i riders convocati tra quali la giovanissima Claudia Pagnini che per la terza volta è diventata campionessa italiana assoluta 16 anni ottenendo il bronzo alla 47ma Coppa del mondo, Shangai Cina dello scorso 2-4 ottobre. Questi gli altri atleti attesi: Ludovico Vanoli (bresciano residente in provincia di Trento, master), Alberto Della Beffa (Milano, master), Riccardo De Tollis (Milano,17 anni junior), Noah Gessi (Ravenna, campione italiano assoluto 16 anni junior), Leonardo Gatti (Ancona, 17 anni, junior), Alessandro D’Agostino (Pescara, 12 anni), Daniele D’Agostino pescara (13 anni), Elisa Costanzo (Verona, 35 anni), Fabrizio Cicerale (Torino, 31 anni), Rolando Fociani (Padova, 43 anni), Piero Pierani (Ancona, veterans).

 

A questi atleti di aggiungono anche altri tre agonisti invitati ed in osservazione per l'eventuale partecipazione ai campionati di europa: Giorgia Francescato Padova (28 anni), Luca De Togni Verona (37 anni), Anna Campoli Roma (32 anni). L’impianto è strutturato come circuito con le caratteristiche internazionali: per questo la Nazionale Italiana di Wakeboard lo ha scelto. L’attività sportiva è strutturata per dare risposta ad ogni livello, l'impianto è aperto sia per i principianti (con il sistema 2.0 ad un unico con andata e ritorno seguita da un assistente) che per i professionisti con il sistema creato da CablewakeSystem, dotato di cinque piloni (torri) che girano in senso orario, e può trainare fino a sette riders contemporaneamente in un circuito che si sviluppa su oltre 500 metri lineari dove sono alloggiati versi “ostacoli” per la passione di più esperti.

 

Spiega Mario Carraretto, presidente della S.i.al. Srl titolare dell'impianto: “Con l'arrivo della nazionale prende il via la collaborazione con la Federazione Italiana Wakeboard e Sci Nautico che contiamo di intensificare. E' già in programma, infatti, un secondo week end di permanenza ad inizio novembre in cui ospiteremo nuovamente la nazionale. E' un sogno che si avvera, oltre che un'opportunità, per chi già frequenta l'impianto, per vedere da vicino ed assistere alle performance sportive dei riders più bravi a livello nazionale”.

 

 

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×