26/04/2017pioggia moderata

27/04/2017pioggia moderata

28/04/2017piovaschi e schiarite

26 aprile 2017

Uscita del traforo su via Carso, ora si possono presentare le osservazioni

I cittadini hanno trenta giorni di tempo. Piccolo "giallo" sulla pubblicazione dell'avviso

VITTORIO VENETO - Si è aperto ufficialmente ieri – con la pubblicazione dell’avviso sull’albo pretorio comunale - il periodo di tempo utile per presentare osservazioni sulla costruzione dello “svincolo di Vittorio Veneto centro”, ovvero l’uscita del traforo su via Carso.

 

L’Anas avvisa infatti “dell’avvio del procedimento di approvazione del progetto definitivo dei lavori tramite la Conferenza dei Servizi, ai fini del rilascio, ad opera degli enti preposti, di pareri, concessioni, autorizzazioni, licenze, nulla osta e assensi prescritti dalle vigenti norme, per l’apposizione del vincolo preordinato all’esproprio relativo alle aree interessate ai lavori stessi”.

 

Tutti gli atti sono stati depositati in comune, e potranno essere visionati nei giorni e negli orari di ricevimento al pubblico, e cioè dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 12.30. Per trenta giorni i portatori di interessi pubblici o privati, individuali o collettivi, potranno quindi inoltrare le proprie osservazioni al progetto.

 

Va ricordato che la nuova viabilità prevede di raccordare la rotatoria di Rindola, attualmente in costruzione, con una nuova rotatoria su via del Carso.

 

La pubblicazione sull’albo pretorio aveva creato inizialmente qualche problema, visto che la nota di Anas recava come data quella del 23 marzo 2015. Al di là del palese errore nell’indicare l’anno, avevano destato qualche perplessità anche il giorno e il mese indicati: in molti infatti temevano che i trenta giorni venissero conteggiati a partire dal mese scorso, lasciando così poco più di una decina di giorni per la presentazione delle osservazioni.

 

A far luce sulla questione ci ha pensato Alessandro Mognol, ex membro della giunta Tonon e portavoce a del comitato “No traforo – sì alternative”, che si è subito recato agli uffici comunali per saperne di più.

 

“C’è tempo fino all’11 maggio – rassicura Mognol – La data che conta è quella di pubblicazione sull’albo pretorio”. Il portavoce però ha fatto notare che tra gli allegati mancava “lo stralcio del piano particellare grafico con l’individuazione degli immobili interessati” dagli espropri.

 

Documento che in seguito a varie segnalazioni è stato pubblicato solo oggi. Mognol ha anche promesso che darà battaglia sul nuovo progetto: “Non è ben chiaro chi siano questi portatori di interessi. Ad ogni modo faremo le nostre osservazioni come consiglio di quartiere” ha anticipato il portavoce.

 

Il precedente risale al 2005, quando il progetto di uscita su via Carso era stato bocciato dalla Sovrintendenza, in seguito proprio all conferenza dei servizi e alla presentazione di una valutazione di impatto ambientale che dichiarava “pesante” l’uscita del traforo in quell’area.

 

(In allegato l'elenco degli interessati dagli espropri)

 



Roberto Silvestrin

Loading...

Allegati


Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

immagine della news

15/12/2016

Il Traforo fa male alla chiesa

Don Crestani scrive a sindaco e Anas: l’uscita della “Variante Traforo” compromette la stabilità della chiesetta di San Giuseppe in Silvis


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Una famiglia su 10 in grave difficoltà economica in Italia. Di chi è la colpa?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.912

Anno XXXVI n° 8 / Giovedì 27 aprile 2017

DON ROMUALDO CAPPELLANO DEI CIRCHI D'ITALIA

Don Romualdo. Il prete (circense) più anziano della diocesi. Cappellano dei circhi di tutta Italia, parroco degli operai, zarlatan de Zeneda. Monsignor (ma non chiamatelo così!) Baldissera ha 96 anni.

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×