18 novembre 2019

Treviso

Una curva maledetta quella che ha spezzato la vita di Massimiliano Baro a soli 40 anni

Il 40enne ha perso il controllo della bicicletta durante la discesa ed è caduto a terra

commenti |

commenti |

MASERADA SUL PIAVE - Una curva maledetta, quella lungo la strada provinciale 36 “Del Combai”, che è costata la vita all’educatore Massimiliano Baro. Il 40enne era partito ieri mattina da Maserada sul Piave con la bicicletta da corsa per una pedalata in solitaria nella zona di Valdobbiadene, quando durante la discesa in curva in via Madean ha perso il controllo del veicolo.

 

Massimiliano è caduto a terra, in quel momento stava sopraggiungendo dal senso opposto un Audi guidata da un ragazzo di 30 anni che non è riuscito ad evitare l’impatto. Sul posto sono giunti gli operatori del Suem che dopo lunghi minuti scanditi dal massaggio cardiaco al 40enne si sono dovuti arrendere e dichiarare il decesso.

 

Non è ancora chiaro se Massimiliano ha prima sbattuto la testa al suolo e successivamente ci sia stato il contatto con l’auto o il contrario. Il caschetto che portava sempre con sè non è riuscito a proteggerlo. La dinamica rimane al vaglio degli inquirenti.

 

Massimiliano era un volto molto conosciuto nella comunità di Maserada, attivo in parrocchia, lavorava come educatore in una comunità di disabili nel veneziano. Non è ancora stata fissata la data del funerale. Lascia la moglie.

 

Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×