15/07/2018possibile temporale

16/07/2018temporale e schiarite

17/07/2018possibile temporale

15 luglio 2018

Valdobbiadene Pieve di Soligo

Ulss7 parla anche la lingua dei segni

Nuovo servizio gratuito di interpretariato per non udenti

commenti |

PIEVE DI SOLIGO - Ulteriore importante passo avanti dell’Ulss 7 sulla strada dell’umanizzazione: a settembre partirà, infatti, il servizio di video interpretariato di lingua dei segni, volto a facilitare l’accesso alle prestazioni socio-sanitarie delle persone non udenti.

Per avere a disposizione, gratuitamente, un interprete al momento della visita o dell’esame le persone interessate residenti nei Comuni dell’Azienda Socio Sanitaria di Pieve di Soligo dovranno, semplicemente, compilare l’apposito modulo di richiesta scaricabile dalla sezione “Modulistica” del sito internet dell’Ulss 7.

 

A garantire la “traduzione” dei dialoghi tra le persone non udenti e il personale sanitario sarà un interprete collegato in videoconferenza tramite Pc o tablet. “L’attivazione del servizio di video interpretariato dalla e nella lingua dei segni - sottolinea il direttore generale dell’Ulss 7, Gian Antonio Dei Tos - rientra nell’ambito dei nostri percorsi di umanizzazione: ci permetterà di garantire una maggior equità di accesso alle cure alle persone non udenti”.

 

L’avvio dell’attività di video interpretariato per i non udenti rappresenta, per l’Ulss 7, un importante ampliamento del servizio di interpretariato telefonico, avviato lo scorso anno: il servizio, attualmente attivo in una ventina di Unità Operative, prevede la possibilità di richiedere il supporto di un interprete, in collegamento telefonico, per poter dialogare con i pazienti che non parlano italiano. Per il progetto di video interpretariato all’Ulss 7 è stato assegnato, nel 2014, un riconoscimento dallo SMAU di Padova, nell’ambito del Premio Innovazione ICT Veneto.

 

Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Valdobbiadene Pieve di Soligo

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.939

Anno XXXVII n° 13 / 5 luglio 2018

MOLLO TUTTO E VADO A VIVERE NELLA FORESTA

Christian Corrocher ha lasciato Conegliano, sua città natale, per andare a vivere nella foresta Amazzonica. Per anni ha mangiato solo pesce e yucca ed è vissuto senza elettricità, né acqua corrente. Questa è la sua storia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×