22/09/2017quasi sereno

23/09/2017parz nuvoloso

24/09/2017rovesci e schiarite

22 settembre 2017

Politica

Tweet choc del senatore antivaccini: è bufera

commenti |

Solo qualche mese fa, il senatore Bartolomeo Pepe aveva cercato, invano, di far proiettare nelle sedi istituzionali parti del controverso documentario antivaccini 'Vaxxed'. Un'iniziativa che era stata rispedita al mittente, ma che non ha certo impedito al senatore di Gal, ex M5S, di tornare sulla questione delle vaccinazioni. In un tweet pubblicato ieri sul proprio account, il senatore ha destato scalpore, proponendo un'idea choc: "Piuttosto che vaccinare 30 bimbi - ha cinguettato Pepe, facendo riferimento all'allarme del ministero della Salute sull'aumento dei casi di morbillo - si potrebbero mettere 29 bimbi in classe col primo che prende il morbillo, o #ètroppogratis?".

Nel giro di qualche ora il tweet di Pepe è finito sulla gogna social, sollevando un polverone di polemiche. "Possiamo dire che le sue affermazioni sono antiscientifiche pericolose e propagandistiche?" ha scritto un utente, cui ha fatto eco un altro: "Lei diffonde informazioni pericolose e potenzialmente letali. Si vergogni". E ancora: "Possiamo dire che dovrebbe dimettersi e non dare fiato alla bocca - ha commentato un terzo utente - o non #ètroppogratis?". A intervenire anche il virologo Roberto Burioni, che ha cinguettato ironico: "Ottima idea, potremmo risolvere nello stesso modo il problema di ebola".

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×