23/06/2018quasi sereno

24/06/2018nuvoloso

25/06/2018quasi sereno

23 giugno 2018

Esteri

Turchia, Erdogan: "Taglieremo la testa ai traditori"

commenti |

Bagno di folla nella notte per il presidente turco Recep Tayyip Erdogan a un anno dal tentativo di golpe per destituirlo. Davanti a milioni di persone che hanno invaso le strade il leader ha tenuto un discorso alle 2,23, l’ora in cui gli aerei guidati dai golpisti colpirono il Parlamento.

"La gente di quella notte non aveva pistole, avevano una bandiera e, cosa più importante, avevano la loro fede", ha detto, aggiungendo che "il popolo ha mostrato al mondo che grande nazione siamo. Non c’è altro esempio del genere nel mondo".

Durante il suo discorso, il presidente ha minacciato di reintrodurre la pena di morte e dichiarato che le centinaia di persone sotto processo per il golpe dovrebbero indossare in tribunale "un'uniforme, come quella dei detenuti a Guantanamo".

"Sono grato a tutti i membri della mia nazione che hanno difeso il loro Paese", ha continuato Erdogan, che poi ha promesso: "Taglieremo le teste" dei traditori. Il presidente ha poi inaugurato un "memoriale dei martiri" sul ponte sul Bosforo, che è stato ribattezzato il ponte dei martiri del 15 luglio.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.938

Anno XXXVII n° 12 / 21 giugno 2018

SULLA MIA PELLE

Il tatuaggio: una moda vecchia 5300 anni

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×