19/10/2017nebbia e schiarite

20/10/2017tempo nebbioso

21/10/2017variabile

19 ottobre 2017

Mogliano

Tumore al seno, Avis e Casa di Cura insieme nella campagna di prevenzione "VincoIo"

Casa di Cura Giovanni XXIII al fianco delle donne e ai terremotati del centro Italia

commenti |

MONASTIER - Ottobre è il mese della prevenzione del tumore al seno. La casa di Cura “Giovanni XXIII” di Monastier, in collaborazione con l’Avis regionale del Veneto, per il secondo anno consecutivo, con il motto “Pensa alla tua salute aiutando il prossimo” si mette a fianco delle famiglie, ed in particolare delle donne, per sensibilizzarle ad avere cura del proprio corpo attraverso gli esami clinico strumentali di prevenzione.

Attualmente il cancro alla mammella è uno dei tumori più diffusi. Fortunatamente, le campagne di prevenzione portano sempre più all’individuazione precoce delle neoplasie, aumentando nelle donne la sopravvivenza. In tal senso si inserisce anche quest’anno la campagna “VincoIo” realizzata dalla Casa di Cura Giovanni XXIII di Monastier con un doppio scopo: quello di promuovere nelle donne la consapevolezza che prevenire il cancro significa “vincere” sul cancro ed impadronirsi della propria salute per non lasciare che la malattia sconvolga la propria vita e aiutare nel contempo, anche le tante famiglie colpite dal terremoto dell’agosto del 2016 nelle Marche.

Per ogni mammografia effettuata nella clinica di Monastier, verrà donata una quota importante all’Avis del Veneto che, in concerto con l’Avis delle Marche, ha deciso di devolverla alla realizzazione del Poliambulatorio di Arquata del Tronto (Ascoli Piceno). Un progetto che Avis e la Casa di Cura stanno portando avanti già dallo scorso anno e rinnovatosi a febbraio con la campagna di prevenzione, per un totale di 10mila euro già donati. Ora il progetto continua e vuole incrementare ulteriormente la strumentazione che andrà a realizzare il Poliambulatorio di Arquata del Tronto. Per questo motivo, anche quest’anno la “Giovanni XXIII” ha deciso in un’ulteriore donazione che scaturirà proprio dagli esami clinico strumentali alla mammella che verranno effettuati durante tutto questo mese di ottobre nell’ambito della campagna di sensibilizzazione alla prevenzione denominata “VincoIo”. Il presidente dell’Avis Marche ha concertato con i vertici di Avis Veneto e della “Giovanni XXIII” per individuare ciò di cui c’è bisogno.

“Siamo orgogliosi di sapere che attraverso la nostra iniziativa potremmo contribuire a ripristinare, anche se in minima parte, la situazione di grave difficoltà che stanno vivendo le popolazioni colpite dal terremoto. E siamo convinti che lo sono anche le tantissime donne che, ad ottobre, contribuiranno scegliendo di sottoporsi alla diagnosi strumentale mammografica presso la nostra struttura” ha detto Gabriele Geretto l’amministratore delegato della Casa di Cura “Giovanni XXIII”. “Un gesto di solidarietà concreto collettivo che dimostra come basti poco, quando si è in tanti, per aiutare chi si trova a vivere in condizioni tanto drammatiche, difficili anche da immaginare. Il nostro grazie all’Avis Regionale del Veneto, e al neo presidente Giorgio Brunello, che ci ha permesso di contribuire a questo importante progetto di solidarietà, ma anche a tutte le pazienti che attraverso il loro gesto indirettamente dimostreranno la sensibilità di tutta la gente veneta”.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×