20/10/2017tempo nebbioso

21/10/2017coperto

22/10/2017pioggia

20 ottobre 2017

Nord-Est

Tromba d'aria e nubifragi, si calcolano i danni

600 turisti sfollati dal Cavallino dove si trova il camping più grande d'Europa

commenti |

VENEZIA - Si contano i danni, pari secondo una prima stima a diversi milioni di euro, nelle diverse località del litorale veneto colpite giovedì pomeriggio da un nubifragio con trombe d'aria, mentre i vigili del fuoco hanno operato tutta la notte per dare corso alle centinaia di richieste di intervento, tra il rodigino e il veneziano, specie per liberare le strade e mettere in sicurezza elementi resi pericolanti dalla furia del vento.

Intenso anche il lavoro della Guardia Costiera per le imbarcazioni che avevano segnalato di essere in difficoltà. Il reparto operativo aeronavale Venezia della Guardia di Finanza è intervenuto per trarre in salvo due persone che, su una barca a vela in navigazione al largo del Lido, avevano lanciato il 'mayday' dopo essere state sorprese da una tromba d'aria. Ieri mattina, il governatore del Veneto Luca Zaia si è recato nelle località più colpite del litorale veneziano, specie al Cavallino dove ci sono campeggi e villaggi turistici e due persone erano rimaste ferite in modo serio.

Sono proseguite nella notte tra giovedì e venerdì le attività di soccorso delle squadre dei vigili del fuoco impegnate dal pomeriggio di giovedì per la tromba d'aria che ha interessato il litorale veneto. Particolarmente colpiti i comuni di Rosolina, Taglio di Po, Porto Viro, Albarella, in provincia di Rovigo. In provincia di Venezia, colpiti i comuni di Chioggia, Jesolo, Eraclea, Bibione, Portogruaro e Cavallino-Tre Porti, dove è stato istituito anche il Coc (centro operativo comunale) ed è presente anche la sala operativa mobile dei vigili del fuoco per coordinare i soccorsi. Il personale dei comandi è stato raddoppiato avendo trattenuto in servizio il personale smontante. Inoltre il dispositivo di soccorso è stato integrato con personale dei comandi limitrofi non interessati dal maltempo.

La quasi totalità degli interventi riguardano la messa in sicurezza di coperture, taglio di piante e pali pericolanti ela rimozione di pericoli per i passanti. Il nucleo sommozzatori sta operando a Porto di Levante, per il recupero di cinque imbarcazioni affondate. Al momento sono già stati eseguiti 90 interventi in provincia di Rovigo ne rimangono in attesa circa 100. Nel territorio veneziano eseguiti oltre 200 interventi e circa altrettanti in attesa.

Al Cavallino, dove si trova l'area camping più grande d'Europa, sono stati sfollati 600 turisti.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×