26/10/2014quasi sereno

27/10/2014quasi sereno

28/10/2014sereno

26 ottobre 2014

A Treviso spariscono i leghisti e spuntano i "grillini"

Movimento 5 Stelle primo partito nella Marca

TREVISO - Il M5S in Veneto conquista quattro province su sette e sfiora la vittoria a Venezia, secondo i dati  raccolti dall'Osservatorio elettorale del Consiglio regionale del Veneto. In provincia di Padova il M5S raccoglie il 24,5% dei consensi lasciando al secondo posto il Pd con il 23,5%. Grillina anche la la Marca trevigiana, tradizionale bacino di voti per la Lega, dove con il 24,4% superano il Pd (21,4%).

 

Affermazione per M5S anche nel vicentino con il 23,5% dove al secondo posto resta il Pd (21,3%). In provincia di Verona il Movimento 5 Stelle raggiunge il 22,6% staccando il Pd e il Pdl che ruotano attorno ad un 20,5%. Per una incollatura l'M5S non conquista anche la provincia di Venezia. Qui segna il 27,2% a fronte di un Pd che tocca il 27,8%.

 

Nella provincia di Belluno vince il Pd con il 25% e M5S al 23%: a Rovigo e provincia i grillini raccolgono il 24,7% superati dal Pd con un 8,5%.

I festeggiamenti a Treviso

A Treviso, il movimento di Beppe Grillo è stata una vera rivouzione. In 82 comuni su 95 i grillini, alla Camera, sono il primo partito. Superano il 30% in ben 11 comuni: Breda, Casale, Casier. Cordignano, Fregona, Maserada, Povegliano, Roncade, Sernaglia, Spresiano e Zero Branco. Un trevigiano su 4 ha votato per Il M5S. Un successo che ora porta a Roma due debuttanti: il deputato Girotto e la senatrice De Pin.

 

Ieri in tarda serata alcuni militanti ha festeggiato con un brindisi e una focaccia genovese – in onore a Grillo - in centro città. Felice del risultato addirittura sopra le aspettative David Borrelli, consigliere comunale e primo trevigiano a credere nel Movimento 5 Stelle: «La gente inizia a capire cosa stiamo facendo anche qui nella Marca. Già dalle amministrative dello scorso anno erano arrivati segnali positivi. Non esiste più un partito che ci governa, ma tutti quanti dovranno fare finalmente i conti con i cittadini, con le persone».

Secondo Borrelli si prospetta un parlamento non stabile:«Credo che tra qualche mese andremo a votare di nuovo. A meno che il Movimento non cominci a prendere in considerazione l’idea di stringere alleanze. Da parte nostra faremo come abbiamo sempre sostenuto: daremo il nostro voto favorevole alle singole iniziative, indipendente da chi le propone».

 

QUALE SCENARIO AUSPICHI PER IL NUOVO GOVERNO? PARTECIPA AL SONDAGGIO

 

 


Data pubblicazione:
Ultima modifica:

Commenta questo articolo

Dossier

I più Letti

del giorno
della settimana
del mese

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Renzi vuole che il Tfr venga messo in busta paga solo a chi lo chiede. In questo caso cosa faresti?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.857

Anno XXXIII n° 20/21 / 30 ottobre 2014

La caduta del Nordest

Bum! Il Nordest cade. Tra capannoni, luci rosse, gioco, adulteri, bulimia, ipocrisia e capannoni che deturpano il paesaggio

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×

Attenzione! è necessario loggarsi al sito per completare la procedura



×