20/09/2017quasi sereno

21/09/2017sereno

22/09/2017quasi sereno

20 settembre 2017

Vittorio Veneto

Tragedia sui binari, 15enne muore travolto dal treno. Doveva cominciare scuola a Vittorio Veneto

Il minore avrebbe manifestato da anni problemi sul piano comportamentale e non legati, pare, ai risultati scolastici.

commenti |

BELLUNO-VITTORIO VENETO - Un ragazzo di 15 anni, residente nel bellunese, è morto investito da un treno, nei pressi di Ponte nelle Alpi. Secondo una prima ipotesi avanzata dalle forze dell'ordine, si tratterebbe di un gesto volontario. Il ragazzo aveva in spalla uno zainetto con i libri. Oggi in Veneto è il giorno della riapertura delle scuole.

 

Sulla vicenda sono in corso indagini da parte della polizia ferroviaria che ha raccolto anche le testimonianze del personale viaggiante e di due militari che viaggiavano a bordo del treno. La circolazione dei treni ha subito gravi ritardi con disagi per tutti i pendolari. Gli atti, una volta ricostruita la vicenda, saranno trasferiti alla Procura di Belluno.

 

Il minore avrebbe manifestato da anni, secondo quanto si apprende, problemi sul piano comportamentale e non legati, pare, ai risultati scolastici. Una circostanza che aveva portato le diverse realtà scolastiche frequentate, da quella primaria a quella secondaria, a seguirlo.

 

Ad avvisare i genitori, oltre le forze dell'ordine, anche il sistema scolastico regionale e il liceo artistico "Munari", che avrebbe dovuto cominciare a frequentare, da oggi, a Vittorio Veneto.

 

La scuola ha provveduto anche, con il tatto e con gli strumenti psicologici extradidattici, ad informare di quanto avvenuto i compagni di classe e gli altri studenti al fine di assisterli di fronte ad una notizia di tale gravità.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×