23 luglio 2019

Vittorio Veneto

Il teatro Da Ponte di Vittorio Veneto in vendita: costa più di 8 milioni di euro

Contraria alla vendita la Lega: "Vendere il Da Ponte è inopportuno"

Claudia Borsoi | commenti |

VITTORIO VENETO – Fondazione Cassamarca ha deciso di inserire anche il teatro Da Ponte tra gli immobili da vendere. Il teatro di Serravalle ha un valore di 8.397.485 euro. Fino a quando non ci sarà l’acquirente, il teatro rimarrà in concessione al Comune di Vittorio Veneto, con canone annuo di affitto di 12mila euro più iva.

 

«Nella convenzione recentemente rinnovata tra Comune e Fondazione c’era una clausola sulla messa in vendita. Ora vediamo se qualcuno si farà avanti» commenta l’assessore alla cultura Antonella Uliana.

 

E aggiunge: «Dato questo sviluppo per il teatro, l’operazione PalaFenderl si conferma un’operazione fatta con criterio: certo non sono i 400 posti del Da Ponte, ma 200, però almeno avremo lo spazio per poter ospitare gli eventi. Certo: perdere il teatro Da Ponte dispiace perché in questi anni è stato un luogo fondamentale per la cultura in città. Se qualcuno lo acquisterà, e chissà quando, ben venga se riuscirà a mantenerne la destinazione».

 

«L’auspicio è che continui a servire la città e il territorio» aggiunge il sindaco Roberto Tonon.

 

«Prendiamo atto della decisione della Fondazione – intervengono Rinascita Civica e Partecipare Vittorio -. Se saremo noi ad amministrare la città quando il teatro sarà venduto, nessuno si metta in testa di chiedere cambi di destinazione d’uso dell’immobile». «Speriamo che, una volta venduto, rimanga in qualche modo un patrimonio della città – l’auspicio di Michele Toffoli, candidato sindaco di Forza Vittorio e di Vittorio Veneto Città in movimento - e che venga acquistato da qualcuno che abbia voglia di rilanciarlo. Ci vorrebbe un mecenate, se ne esistono ancora. I conti anche in Fondazione devono tornare e se questo bene è messo in vendita serve per appianare i loro bilanci».

 

Contraria alla vendita la Lega. «Vendere il Da Ponte è inopportuno – afferma il consigliere comunale Gianantonio Da Re -. I teatri posseduti dalla Fondazione sono da sempre un valore per la nostra società e sono messi a disposizione delle comunità: rappresentano il valore sociale della Fondazione e tale deve rimanere».

 



Claudia Borsoi

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×