25/02/2017sereno

26/02/2017velature sparse

27/02/2017parz nuvoloso

25 febbraio 2017

T-RED, IL GIUDICE CHIEDE AL SINDACO IL DECRETO DI SEQUESTRO PREVENTIVO

Il giudice Bottoli ha accolto la richiesta degli avvocati del comitato Paolo Salandin e Giuliano Rossi

| commenti | (1) |

Vittorio Veneto - Il giudice di pace Gianni Bottoli ieri ha richiesto al sindaco Giancarlo Scottà di produrre il decreto di sequestro preventivo dei T-Red e ha disposto l'acquisizione delle relazioni tecniche della Procura di Verona.

Ieri il giudice ha esaminato sei ricorsi: tre di questi, che non si avvalevano della consulenza del comitato Semaforipazzi, hanno rinunciato ad opporsi alla sanzione, confermata a 156 euro.Il 24 marzo è prevista la prossima udienza.

Per quanto riguarda l'esame dei due ricorsi degli assistiti dal comitato Semaforipazzi, il giudice di pace ha accolto la richiesta degli avvocati del comitato Paolo Salandin e Giuliano Rossi, fatta alcune settimane fa, di citare nell'udienza la testimonianza dei legali rappresentanti di Ci.Ti. Esse e Kria, le ditte dei Photored.

Anche se il comune di Vittorio Veneto ha confermato la durata del giallo di 5 secondi, e non è quindi tra quei comuni dove il giallo è risultato inferiore ai 4 secondi, l'indagine vuole far luce sull'eventuale manomissione degli strumenti.

 



Loading...

Commenta questo articolo


Ma quanto ci vuole a fare un'indagine e a portare delle sentenze?Sempre troppo qua in'italia.Ce da vergognarsi.Dicono che la legge e' uguale per tutti ma non e' vero.

segnala commento inopportuno

Dello stesso argomento

immagine della news

27/01/2009

T-RED SOTTO SEQUESTRO

I congegni più odiati dagli automobilisti sono stati sequestrati su tutto il territorio nazionale


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Otto casi di meningite nella provincia di Treviso. Sei preoccupato?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.908

Anno XXXVI n° 4 / 2 marzo 2017

LA CHIAVE DEL SUCCESSO

Imprenditrice (di successo), mamma (di sei figli), figlia di un deportato in campo di concentramento. Mariacristina Gribaudi, amministratore delegato dell’azienda Keyline di Conegliano, ne ha di cose da raccontare. Oltre che da fare. Ancora. E ancora.

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×