02/10/2014quasi sereno

03/10/2014quasi sereno

04/10/2014quasi sereno

02 ottobre 2014

T-RED, IL GIUDICE CHIEDE AL SINDACO IL DECRETO DI SEQUESTRO PREVENTIVO

Il giudice Bottoli ha accolto la richiesta degli avvocati del comitato Paolo Salandin e Giuliano Rossi

| (1) |

Vittorio Veneto - Il giudice di pace Gianni Bottoli ieri ha richiesto al sindaco Giancarlo Scottà di produrre il decreto di sequestro preventivo dei T-Red e ha disposto l'acquisizione delle relazioni tecniche della Procura di Verona.

Ieri il giudice ha esaminato sei ricorsi: tre di questi, che non si avvalevano della consulenza del comitato Semaforipazzi, hanno rinunciato ad opporsi alla sanzione, confermata a 156 euro.Il 24 marzo è prevista la prossima udienza.

Per quanto riguarda l'esame dei due ricorsi degli assistiti dal comitato Semaforipazzi, il giudice di pace ha accolto la richiesta degli avvocati del comitato Paolo Salandin e Giuliano Rossi, fatta alcune settimane fa, di citare nell'udienza la testimonianza dei legali rappresentanti di Ci.Ti. Esse e Kria, le ditte dei Photored.

Anche se il comune di Vittorio Veneto ha confermato la durata del giallo di 5 secondi, e non è quindi tra quei comuni dove il giallo è risultato inferiore ai 4 secondi, l'indagine vuole far luce sull'eventuale manomissione degli strumenti.

 

 


Data pubblicazione:
Ultima modifica:

Commenta questo articolo


Ma quanto ci vuole a fare un'indagine e a portare delle sentenze?Sempre troppo qua in'italia.Ce da vergognarsi.Dicono che la legge e' uguale per tutti ma non e' vero.

segnala commento inopportuno

Dello stesso argomento

immagine della news

27/01/2009

T-RED SOTTO SEQUESTRO

I congegni più odiati dagli automobilisti sono stati sequestrati su tutto il territorio nazionale

I più Letti

del giorno
della settimana
del mese

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Per Renzi l'articolo 18 è un privilegio riservato solo ad alcuni lavoratori quindi da eliminare. Che ne pensi?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.855

Anno XXXIII n° 18 / 25 settembre 2014

Un po' di Islam. In affitto

A tu per tu (e a piedi scalzi se ci si trova nella sala di culto, maldestramente chiamata “moschea”) con i musulmani trevigiani. Che qui abitano, pregano (dove possono), lavorano.

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×

Attenzione! è necessario loggarsi al sito per completare la procedura



×