21/02/2017coperto

22/02/2017nuvoloso

23/02/2017pioviggine

21 febbraio 2017

Stagione della caccia al via, sit-in in piazza dei Signori

Protesta delle associazioni animaliste, Zanoni:"Situazione di caos"

TREVISO - “Treviso contro la caccia”. Recita così lo striscione della manifestazione di protesta delle associazioni animaliste andata in scena sabato pomeriggio, in piazza dei Signori, contro la partenza della caccia venatoria prevista per domenica 18 settembre in tutto il Veneto.

Con le associazioni dell’Enpa e Oipa anche il consigliere regionale e vicepresidente della commissione regionale Ambiente, Andrea Zanoni: “Mai prima d’ora si era registrata una situazione di caos come quella maturata nelle ultime settimane per quanto riguarda il calendario venatorio del Veneto - commenta Zanoni - Da oggi si caccerà con un calendario venatorio bocciato dall’Ispra organo tecnico scientifico che ha censurato la caccia a Combattente e Moretta, due rari migratori che dovevano essere protetti. La stessa cosa vale per l’Allodola, migratore in costante declino a causa della caccia che stando sempre all’Ispra doveva essere cacciato con carnieri molto inferiori di quelli decisi dal calendario".

"Infine – continua il consigliere del Pd - si consente la caccia ad uccelli non completamente adulti e alle coppie di migratori in periodo pre-nuziale. Rischiamo seriamente di far pagare al contribuente le sanzioni europee a causa della violazione delle norme dell’Unione europea. Ciliegina sulla torta il nomadismo venatorio impugnato alla Corte Costituzionale ma praticabile sino a quando questa non si pronuncerà. La giunta Zaia con 5 nuove leggi ed alcune delibere – conclude Zanoni - mettono a rischio un patrimonio naturale di tutti”.

 



Commenta questo articolo


Dello stesso argomento


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Otto casi di meningite nella provincia di Treviso. Sei preoccupato?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.907

Anno XXXVI n° 3 / 16 febbraio 2017

CARLO E COSETTA: UNA VITA CHE E' (QUASI) POESIA

Zarlatàn (de Zèneda) e (quasi) poeta. Carlo se la ride sotto i versi. Nonostante la...censura. Ha iniziato a scrivere versi per “salvarsi”. Ma anche perché, sin da bambino, provava una simpatia particolare per la poesia, che riusciva a imparare a memoria senza fatica. Col tempo, Carlo Piasentin ha fatto di un impulso giocoso una passione fondamentale. Eppure, in casa, ha sempre avuto un giudice severissimo: la moglie Cosetta. Che - ma questa è pura chiacchiera da salotto - lo ha sposato...per allegria

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×