20/10/2017coperto

21/10/2017coperto

22/10/2017pioggia

20 ottobre 2017

Treviso

Sputava contro i passanti, fermato dai vigili 30enne

L'uomo bloccato dai vigili è stato sottoposto a trattamento sanitario obbligatorio

commenti |

TREVISO - Sputava addosso ai passanti che incontrava lungo il percorso. Ieri mattina la polizia municipale lo ha bloccato all’esterno di porta San Tomaso.

Si tratta di un 30enne di origini tunisine, già noto alle forze dell’ordine: l’estate scorsa l’uomo era stato fermato dalla polizia locale per aver cercato di di gettarsi in mezzo ai veicoli che transitavano in via Roma. E ieri lo straniero, dopo una segnalazione, lo ha individuato lungo le mura cittadine mentre continuava a bersagliare di sputi i passanti.

All'arrivo degli agenti il 30enne ha dato in escandescenze, costringendoli a richiedere il supporto di altre pattuglie. Sentito il reparto ospedaliero dove l’uomo era stato ricoverato, l’uomo è stato ricoverato presso il pronto soccorso del Cà Foncello per una valutazione da parte di uno specialista. Il soggetto veniva quindi accompagnato nella struttura ospedaliera, dagli agenti che per sicurezza,  salivano a bordo dell'ambulanza.

"Grazie alla pronta azione di prossimità della polizia locale si è potuto evitare che si potessero verificare spiacevoli incidenti, che potesse farsi male qualcuno - dichiara il vicesindaco e assessore alla sicurezza del Comune di Treviso Roberto Grigoletto - Bene poi che sia stato portato subito in una struttura protetta dove non può nuocere a nessuno. Inoltre, nel caso questa persona sia destinataria di un decreto di espulsione che non ha rispettato ci attiveremo perché venga rimpatriato".

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×