13 dicembre 2019

Castelfranco

"Sono stato io": travolge e uccide una donna, fugge e poi si consegna alla polizia

Un castellano di 38 anni si è costituito per l'incidente in cui ha perso la vita Graziella Geremia

Matteo Ceron | commenti |

immagine dell'autore

Matteo Ceron | commenti |

auto

CASTELFRANCO – È un castellano di 38 anni l’uomo che nel tardo pomeriggio di sabato ha travolto e ucciso Graziella Geremia e ferito la figlia in via Dei Carpani a Castelfranco, per poi darsi alla fuga.

A meno da ventiquattrore dall’incidente, ieri verso le 12,30, si è presentato col proprio avvocato alla polizia stradale di Treviso, costituendosi ed ammettendo di essere stato lui ad investire la 74enne di Rossano Veneto provocandone la morte.

 

La Fiat Punto che guidava è stata rintracciata e sottoposta a sequestro penale e messa a disposizione dell’autorità giudiziaria, insieme ai frammenti di veicolo rinvenuti sul luogo dell’incidente.

 

Il 38enne è stato denunciato in stato di libertà per omicidio stradale con fuga, ora rischia una pena non inferiore ai cinque anni di reclusione, oltre alla revoca della patente di guida. 

 

L’incidente si è verificato verso le 17,40 di sabato. Graziella Geremia stava attraversando la strada insieme alla figlia, quando è sopraggiunta la Punto diretta verso il centro commerciale “I Giardini del Sole” che l’ha travolta. La 74enne è morta subito, mentre la figlia ha riportato delle lesioni ed è stata trasportata al vicino ospedale.

Il 38enne si è dato alla fuga facendo perdere le proprie tracce. La polizia stradale ha fatto scattare immediatamente le ricerche, raccogliendo col passare delle ore elementi che probabilmente avrebbero fatto arrivare in breve tempo all’individuazione del responsabile.

Ricerche che si sono bloccate quando l’uomo si è costituito. Ora sono in corso indagini per chiarire i dettagli della dinamica dell’incidente e la posizione dell’uomo.

 



foto dell'autore

Matteo Ceron

Leggi altre notizie di Castelfranco
Leggi altre notizie di Castelfranco
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×