23/09/2017parz nuvoloso

24/09/2017temporale e schiarite

25/09/2017quasi sereno

23 settembre 2017

Castelfranco

Somministra cibi e bevande senza autorizzazione, locale stangato

Sanzione da più di cinquemila euro ad un esercizio di Asolo dopo i controlli dei vigili

commenti |

ASOLO – Somministrava cibo e bevande senza autorizzazione: stangata da più di cinquemila euro per il titolare di un pubblico esercizio di Asolo.

Lo rende noto il sindaco di Asolo Mauro Migliorini, annunciando l’esito di un’attività di controllo da parte della Polizia Locale negli esercizi pubblici della città finalizzata all’accertamento delle violazioni al regolamento di polizia urbana ed alle leggi regionali.

 

“Il comando di via Strada Muson, negli ultimi giorni, ha intensificato il monitoraggio soprattutto nelle ore serali di bar e pub, rispondendo così ad una sempre maggiore richiesta da parte della cittadinanza per il rispetto della quiete pubblica – spiega Migliorini -. Nel corso di un’ispezione serale, in un pubblico esercizio è stato riscontrato che veniva esercitata l'attività di somministrazione di alimenti e bevande in un luogo appositamente attrezzato, ma privo delle necessarie autorizzazioni, inoltre alcuni locali venivano utilizzati abusivamente per l'attività di somministrazione, venendo meno i requisiti di sorvegliabilità sia esterna che interna”.

 

Cosa che ha comportato una sanzione amministrativa di 5.350 euro. “Sono in corso ulteriori accertamenti – chiude il sindaco -. La vigilanza e il controllo del territorio proseguiranno anche nelle prossime settimane”.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×