21/09/2017quasi sereno

22/09/2017sereno

23/09/2017parz nuvoloso

21 settembre 2017

Lavoro

Smi su medicina fiscale, bozza Atto indirizzo sbagliata.

AdnKronos | commenti |

Roma, 17 lug. (AdnKronos Salute) - Forti critiche per la bozza di Atto di indirizzo per la medicina fiscale dal Sindacato medici italiani (Smi). Il testo, inviato ai sindacati nei giorni scorsi, ha "l'impostazione è sbagliata, servono forti modifiche. Necessario fare una rivoluzione copernicana: basta precarietà, si punti sulla stabilità e la qualità", dice Piera Mattioli, del settore medici fiscali Inps.

Lo Smi elenca le principali criticità della bozza: non è possibile inserire nei destinatari della convenzione i medici non contemplati nella richiamata legge, ovvero la 75 del 25 maggio 2017; vi deve essere la certezza dell'orario pieno '38 ore' e non un tetto massimo di 36 ore; no al pagamento a prestazione a fronte di un rapporto convenzionale orario; contrarietà alla decurtazione dei rimborsi ovvero addebitare i costi sostenuti per lo svolgimento del lavoro Inps ai medici di controllo; opposizione al tacito rinnovo di una convenzione.

Infine, un'osservazione di metodo da parte del sindacato che invita la controparte pubblica a definire la reale rappresentatività dei sindacati della medicina fiscale. "Siamo da subito pronti a dare il nostro fattivo contributo per migliorare radicalmente il testo - conclude Mattioli - e a inviare eventuali osservazioni e proposte, così come richiesto dai ministeri entro il 19 luglio e prima dell'incontro del 21".

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


Ricerca Lavoro

Cerchi lavoro? Accedi al nostro servizio di ricerca. Seleziona tipologia e provincia e vedi le offerte proposte!


Cerca ora!

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×