19/08/2018sereno

20/08/2018sereno con veli

21/08/2018quasi sereno

19 agosto 2018

Mogliano

Sile Caldaie, ok al concordato

Via libera del tribunale dopo l'accordo con le rappresentanze sindacali. La realtà industriale di Casier continua la risalita

commenti |

Sile Caldaie

CASIER - Basitaly, la nuova denominazione della storica azienda Sile Caldaie di Casier, giovedì scorso ha ottenuto dal tribunale di Treviso l’ammissione al concordato preventivo in continuità.

Si tratta di un via libera importante verso il salvataggio dell’azienda in crisi. Attualmente si può pensare ad una ripartenza, visto anche l’accordo con i sindacati messo nero su bianco lo scorso 27 novembre. Grazie a quell’accordo ecco dunque il beneplacito del tribunale.

L’azienda, nata nel 1945, è specializzata nella produzione di caldaie, autoclavi, pannelli solari e altre apparecchiature termoidrauliche per l’edilizia residenziale e il settore industriale.

La crisi dell’edilizia aveva determinato gravi problemi all’attività, sfociati nella richiesta di concordato.

Come segnala il Gazzettino, in essere c’è un piano di rilancio. L’organico è stato ridotto da 47 a 30 dipendenti, con 17 addetti per i quali è scattato il licenziamento collettivo su base volontaria.

Ora si attende il 7 giugno, data della riunione dei creditori per la definitiva votazione sul piano concordatario.
 

 

Leggi altre notizie di Mogliano

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Mogliano

Dello stesso argomento

immagine della news

28/11/2017

Sile Caldaie, accordo raggiunto

Moretto: “Tra proprietà e sindacato accordo di un piano che salva posti di lavoro e offre garanzie alle inevitabili fuoriuscite”

immagine della news

25/10/2017

Sile Caldaie in subbuglio

A Casier assemblea dei lavoratori al termine di tre anni di ammortizzatori sociali. Si profilano esuberi

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×