24/01/2018quasi sereno

25/01/2018coperto

26/01/2018pioviggine

24 gennaio 2018

Oderzo Motta

Si autodenuncia per l'omicidio del padre, va in carcere

Convalidato il fermo a Bologna del 43enne Carlo Frisiero. Gli atti saranno inviati a Treviso

commenti |

il tribunale di Bologna

ODERZO - Il Gip Rita Zaccariello ha convalidato il fermo nei confronti del 43enne trevigiano, Carlo Frisiero, che sabato sera si è presentato nella caserma dei Carabinieri della Compagnia Bologna Centro autodenunciandosi.

L'uomo si è accusato dell'omicidio dell'anziano padre, Luciano Nino Frisiero, a suo dire commesso il 24 settembre del 2016 a Oderzo.

Il giudice ha disposto la custodia cautelare in carcere e ora gli atti saranno trasmessi alla Procura veneta per competenza e per i riscontri alle dichiarazioni dell'uomo.

Il 43enne aveva detto sostanzialmente che la morte del padre, 76 anni, non fu naturale, come apparve all'epoca quando non fu neppure disposta l'autopsia.

L'anziano aveva problemi di deglutizione e il figlio gli avrebbe fatto ingerire pezzi di cibo, fino a soffocarlo, forse per porre fine alle sue sofferenze.

 

Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

immagine della news

29/11/2017

Carlo Frisiero è tornato a casa

Il 44enne professionista opitergino si era autoaccusato della morte del padre. La scarcerazione sabato scorso a Bologna

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.927

Anno XXXVII n° 1 / 18 gennaio 2018

LUDOVICO GIRARDELLO

Il giovanissimo attore vittoriese - protagonista de “Il ragazzo invisibile. Seconda generazione” di Gabriele Salvatores - racconta qualcosa di sè. Della città in cui vive (definita da Mymovies “piccolo paesino in provincia di Treviso”). Delle sue passioni. Omettendo (vedi la classe?) nome e cognome della fidanzata

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×