21 settembre 2019

Vittorio Veneto

Secessionisti, "Questo è terrorismo psicologico"

Giancarlo Scottà commenta la notiza degli arresti. E difende Rocchetta

commenti | (8) |

VITTORIO VENETO - "Il vero terrorismo è quello di una giustizia ad orologeria che, a poche ore di distanza dall´approvazione in Commissione affari istituzionali della Regione Veneto di due ordini del giorno sulla possibilità di un referendum per l´autonomia e l´indipendenza della nostra terra fa scattare le manette per 24 cittadini, indagati in realtà addirittura dal 2012. Ora e solo ora che si era messo in moto un processo democratico e legale che risponde ai desideri di milioni di cittadini". Queste le parole dell'onorevole Giancarlo Scottà, eurodeputato del Gruppo ELD - Lega Nord, e ex sindaco di Vittorio Veneto, a commento della notizia sulle indagini riguardanti 27 indipendentisti, di cui 16 veneti.

 

"Al di là delle responsabilità oggettive, ancora da verificare, dubito fortemente che persone come Franco Rocchetta, da oltre 30 anni in prima linea per i diritti dei Veneti, possano avere anche lontanamente potuto ipotizzare di ricorrere ad azioni di forza. Questo non è solo l´arresto di presunti terroristi, ma un segnale che lo Stato Italiano manda al popolo Veneto: guai a voi se pensate di poter fare da soli! La dimostrazione che, seppure intenzioni violente debbano essere condannate, con questo atto, caduto a fagiolo, si vuole imbavagliare la nostra coscienza e le nostre convinzioni. Questo Stato non vuole solo ignorarci, vuole cancellarci".

 

"Ora che moltissimi Veneti, tra cui anche io stesso, si sono espressi a favore dell´indipendenza, ora e solo ora che la Lega Nord ha riconquistato la fiducia dei nostri cittadini, si getta discredito verso chi da sempre quell´autonomia e quell´indipendenza non ha paura a chiederla con forza. Questo - conclude Scottà - è terrorismo psicologico. Anzi, questo è il vero terrorismo".

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Anche se oggi è una bella giornata di primavera ed il bel tempo invita a tutto forchè parlare di politica, non disdegno di esprimere un mio modesto commento ( ovviamente se mi è concesso). A mio modesto parere, parlare di "terrorismo" per un carro di Carnevale ( anche se "armato" e giunto in tempo di Quaresima, indispone il buonsenso. Il terrorismo evoca altre cose. Ma io intervengo ( se mi sarà concesso) per dire forte e chiaro che queste "pagliacciate" purtroppo gettano discredito sul Veneto e sulla storia del Veneto ( cioè, in particolar modo sulla Storia della Serenissima) e ovviamente discreditano tutti i Veneti e irritano soprattutto quei Veneti che conoscono la loro Storia e che ne vanno sommrssamente fieri. I politici Veneti che difendono le pagliacciate di questi buzzurri criminali fanno non solo un danno alla Politica, ma soprattutto al Veneto e ai Veneti. Paolo Dotta. p.dotta@virgilio.it - 03/04/14.

segnala commento inopportuno

Giancarlo Giancarlo, ambasciatore del proseccco...alzato il calice? Lei conosce gli atti giudiziari che hanno portato all' arresto? ovvio che no dunque, se vuol essere serio, aspetti come tutti noi di consocerli prima di cotruire i suoi teoremi e tranciar giudizi.

Qui, chi vuol fare terrorismo psicologico è chi vuol far credere che il Veneto (con un referendum che sa di tarocco lontano un miglio) si è pronunciato per la indipendenza. Questo non è vero.

Qui chi sbaglia è chi vorrebbe usare la violenza (cosa peraltro ancora da dimostrare) per piegare alle proprie opinioni anche chi non la pensa come lui.

Qui chi sbaglia è chi, agognando legittimamente alla indipendenza, non presenta il proprio simbolo di partito alle prossime elezioni. Dove ci sarà voto segreto e con matita copiativa. Non si voterà col computer o per telefono!

PS: Lei che è europarlamentare dovrebbe anche informare che una eventuale indipendenza del Veneto porterebbe automaticamente alla sua uscita dall'Unione Europea dove gli sarebbe assai difficile rientrare. Inoltre un Veneto sovrano coi soldi delle proprie tasse dovrebbe anche cominciare a pagarsi sanità, scuola, parlamenteo, magistratura, esercito, una zecca per batter la prorpria moneta...chissà se i veneti sarebbero sul serio più ricchi.....

segnala commento inopportuno

La maldestra realizzazione dell' "indipendensa" e del "tanko" evidenzia appieno il modus operandi dei vari partiti e movimenti padanisti e venetisti:

- voglio l'indipendenza perché a Roma mangiano, l'ho capito bene perché in 20 anni a Roma ho mangiato come e più degli altri;
- le leggi non so capirle e scriverle (vedi la porcata del federalismo fiscale, che ha solo aumentato la spesa);
- non so risolvere il problemi, quindi devo trovare un capro espiatorio (non riesco a tappare i buchi nelle strade per colpa di Merkel, Euro, Roma, patto di stabilità, non perché la mia capacità di programmazione arriva alle ombre della sera);
- non so la differenza fra sondaggio e referendum, fra serietà e finzione, ed allora grazie al supporto dei cileni dichiaro la rinascita della Serenissima;
- visto che tutto quanto sopra non funziona, minaccio con i fucili bresciani di Bossi o con il nuovo "tanko de nojaltri".

Forse con un po'meno slogan ed azioni sgangherate, qualche politico serio, preparato, capace, competente, Lega e fratellini minori potevano dare un contributo al miglioramento del Paese e non soltanto al miglioramento dei saldi dei conti correnti di qualcuno...

segnala commento inopportuno

A proposito di tempismo, caro signor Scottà, in questi giorni nella mia casa, come in molte altre della provincia (o forse di tutto il nordest), è arrivato un opuscolo sulla alimentazione, pagato sicuramente con i soldi della comunità europea, che portava una sua bella introduzione ( a proposito chi l' ha scritta?). Chissà perché, dopo cinque anni di dorato silenzio, alla vigilia delle elezioni europee, lei sente il dovere di farsi sentire. E' forse pubblicità ad orologeria? Ma fatta con i soldi pubblici. Il lupo cambia lo scranno ma non il vizio.

segnala commento inopportuno

Il sottoscritto è nativo di Cozzuolo. E dalle mie parti, quando si vuole minimizzare e far svanire tutto in una bolla di sapone, si dice: "buttartla in vacca". Il detto non sarà molto elegante, nè tanto meno colto, però rende bene l'idea. Perciò, se vogliamo "buttarla in vacca"... dirò che anch'io mi adatterei volentieri ad un Veneto staccato da Roma o meglio dal Sud d'Italia e annesso alla Germania. Spero solo che all'europarlamentare non venga la voglia di continuare l'Autostrada che doveva portarci in Baviera. Perchè quell'odiosa Autostada non ha solo distrutto la Val Lapisina e strozzato Vittorio Veneto, precludendole ogni possibile sviluppo. Ha anche ghettizzato il Veneto e sprattutto l'Economia del Veneto, che oggi più che mai dipende da Roma e (udite, udite) da Brusseles. Paolo Dotta. p.dotta@virgilio.it - 03/04/14.

segnala commento inopportuno

Magari fossimo riusciti a realizzare la A27 fino a Monaco. Un cordone ombelicale con l'Europa. Avremmo i nostri agritur pieno di kruk ogni sabato sera.
Purtroppo i lehisti, in tanti anni al governo a Roma e in Regione e nelle provincie e nei comuni e a Bruxelles, non son riusciti a portare a casa neppur quello!

segnala commento inopportuno

Fino a poco tempo addietro era tutta colpa del Sistema pensionistico e del fatto che la gente non ci stà a morire troppo giovane:: tutti vogliono diventare vecchi e con una pensione decorosa. Finalmente è arrivato l'uomo "giusto" quello che le Sinistre aspettavano da sempre: Renzo! Il Premier bollato , finalmente ci toglierà il cuneo fiscale dai nostri fondoschiena e tutti conduremo una vita più felice e prospera. Perciò, aspettate a suicidarvi o a buttarvi sotto i carri armati leghisti. Sta per sorgere il sole dell'avvernire. Corajo fioi!!! Paolo Dotta. p.dotta @virgilio.it - Chiedo scusa alla Redazione per la volgare intrusione. Buona Giornata.

segnala commento inopportuno

Oh Dotta, preambola con "se mi è concesso ", "il mio modesto parere" e poi giù a vanvera a "sparar cazzate" come dicono a Cuzol e pure nel resto della città !!
Che non le piaccia Renzi si era capito, ma credo che a lei non piaccia nessuno, anzi.... lei piace a se stesso, si crede il più intelligente, acculturato, unico esempio di vittoriese trasferitosi altrove per trovarsi in un ambiente più consono....via da questi grezzi semianalfabeti.......vaff....
Addirittura critica la Venezia-Monaco, che è tutto dire.....
Chiami la badante che le rimetta il plaid sulle ginocchia, và, che per oggi ha già fatto danni !
Quanto a Scottà....."ORA CHE LA LEGA HA RICONQUISTATO LA FIDUCIA DEI NOSTRI CITTADINI ..." ????
ah ah ah ah ah aha...........ah ah ah ah ah a..... e poi ah ah aha ......
ah ah ah ah ah ah ah ah ah aha ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah

segnala commento inopportuno

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dossier

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×