20/08/2018quasi sereno

21/08/2018sereno

22/08/2018quasi sereno

20 agosto 2018

Treviso

Scuolabus, da settembre nuovo sistema hi-tech per mappare i percorsi casa-scuola

Con Mom anche lo scuolabus entra nell’era digitale

commenti |

TREVISO - Migliaia di alunni, oltre 100 istituti scolastici, 19 comuni, circa 60 scuolabus, quasi 80 addetti pronti a prendere servizio al suono della prima campanella di settembre.

 Sono questi i numeri relativi ai servizi scolastici dedicati alle scuole di base (materne, elementari e medie) della provincia di Treviso, che vedranno impegnata Mobilità di Marca Spa in una nuova importante sfida, tramite gestione diretta dei servizi o Raggruppamenti Temporanei d’Impresa (RTI), con le aziende locali: Bonaventura, Euro Tour, Vianello. Nello specifico, Mom si è aggiudicata per un triennio (da settembre 2018 a giugno 2020) la gestione dei servizi nei Comuni di: Treviso, San Biagio di Callalta, Ponzano, Villorba, Fonte. Sarà in Raggruppamento Temporaneo d’Impresa nei Comuni di: Preganziol, Monastier, Casier, Paese. Dieci i Comuni dove l’azienda già opera e continuerà a prestare servizio anche nel prossimo anno scolastico: Castelfranco Veneto, Mogliano Veneto, Breda di Piave, Castello di Godego, Loria, San Zenone degli Ezzelini, Spresiano, Altivole, Paderno del Grappa, Riese Pio X.

“Riteniamo che il servizio scolastico, seppur distinto da Trasporto Pubblico Locale, rappresenti una risposta importante alla mobilità del territorio in cui operiamo e – afferma il presidente Mom, Giacomo Colladon - in particolare, rivolgendosi all’utenza più fragile, dimostri la vocazione a servizio pubblico di una azienda controllata dagli Enti Locali e, di per sua natura, vicina ai cittadini. Mom non ha voluto sottrarsi all’impegno in un settore delicato, dove è richiesta alta professionalità e nel cui ambito ha maturato una lunga esperienza. Di fronte alla chiamata dei Comuni abbiamo scelto di fare una passo avanti, partecipando a tutte le gare, da soli o in RTI con aziende del territorio una collaborazione ritenuta da Mom importante per il territorio, poiché capace di generare un volano d’impresa significativo, anche sul fronte occupazionale (sono ben 40 le nuove assunzioni previste)”.

“Non posso che esprimere il mio apprezzamento per lo sviluppo del servizio del trasporto pubblico locale di Mom– dichiara il presidente della Provincia di Treviso, Stefano Marcon - che consolida, attraverso  l’implementazione nell’aggiudicazione dei comuni nei quali presta il servizio di trasporto scolastico, il suo importante ruolo di efficiente intervento sul territorio, soprattutto nella gestione che vede famiglie ed alunni quali utenti tra i più sensibili.”

"Accogliamo con grande soddisfazione – aggiunge il sindaco di Treviso, Mario Conte - l'ennesimo salto di qualità da parte dell'azienda Mom che, con questo servizio, riesce a garantire maggiore efficienza e un servizio innovativo proprio a quella fascia di utenti che rappresentano potenzialmente l'utente fidelizzato del futuro. La nostra volontà è proprio quella di incentivare l'utilizzo dei mezzi pubblici sensibilizzando proprio le fasce più giovani della nostra società. Innovazioni come queste quindi vanno esattamente nella direzione degli obiettivi che ci siamo posti come amministrazione, ed è per questo che ribadiamo la nostra soddisfazione."
 



“Il nostro know-how, anche sul fronte dell’innovazione nei servizi di trasporto, sarà messo a disposizione dei Comuni e dei nostri nuovi piccoli utenti. Gli autisti saranno tutti dotati di tecnologie informatiche e connessione – annuncia il direttore generale, Giampaolo Rossi - : potranno quindi verificare in real-time le mappe di tutti i percorsi casa-scuola, con fermate geo referenziate, oltre a poter comunicare con le scuole per eventuali variazioni del servizio. Si tratta di un’innovazione che sicuramente accrescerà i livelli di sicurezza, approssimando allo zero la possibilità di errore anche in caso di cambio autista. Arrivando alla personalizzazione del servizio, mappando quindi le esigenze alunno per alunno, vogliamo consentire alle famiglie, che ogni giorno ci affidano i loro bambini, di sentirsi al sicuro”. 

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso
vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×