22/10/2018sereno

23/10/2018velature sparse

24/10/2018sereno con veli

22 ottobre 2018

Benessere

Sanità: Aisc, cruciale riconoscere scompenso cardiaco in pronto soccorso.

AdnKronos | commenti |

Salerno, 5 ott. (AdnKronos Salute) - "Già dal pronto soccorso c'è bisogno di personale in grado di individuare subito il problema di fronte al quale ci si trova. Dobbiamo lavorare al fine di creare un percorso immediato per i pazienti affetti da scompenso cardiaco, perché si possa individuare immediatamente la diagnosi . Un lavoro, questo, indispensabile". Così Salvatore Di Somma, docente di medicina interna e direttore del comitato scientifico Aisc, Associazione italiana scompensati cardiaci, oggi a Salerno in occasione dell'evento 'Il segreto della longevità nel Cilento a servizio dei pazienti', promosso dall'Aisc.

"L'insufficienza cardiaca - sottolinea - è attualmente la causa più comune di ricoveri in ospedale imprevisti per le persone sopra i 65 anni, nonché il principale motivo di riammissioni non pianificate. E' soprattutto per questo che oggi abbiamo voluto concentrare la nostra attenzione sugli aspetti peculiari dell'insufficienza cardiaca nel paziente anziano con comorbilità. In particolare, Aisc ha voluto mettere in evidenza i buoni modelli di vita dei centenari del Cilento che vivono in Campania così a lungo, convivendo molto bene con lo scompenso cardiaco grazie a una dieta specifica e a un'intensa attività fisica".

"Ci è sembrato anche opportuno - aggiunge Di Somma - presentare un'importante alleanza europea che abbiamo rappresentato a Bruxelles recentemente al Parlamento europeo, che invita i governi nazionali ad apportare miglioramenti dimostrabili orientati a ridurre i ricoveri per insufficienza cardiaca e a fronteggiare le quotidiane e drammatiche carenze nel campo della cura di questa grave ma diffusa malattia cardiaca. In Italia, meno della metà dei pazienti riceve le dosi raccomandate di farmaci di cui ha assolutamente bisogno".

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.944

Anno XXXVII n° 18 / 18 ottobre 2018

UNA FAMIGLIA SPECIALE

La famiglia speciale di Susanna e Tarcisio, che hanno accolto in casa Lucio e Antonio, gemelli cerebrolesi, Linda, neonata disabile, Eleonora, Manuela e Marco, facendoli diventare loro figli. Nonostante ne avessero già quattro…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×