12 dicembre 2019

Vittorio Veneto

"Salvate l'ultima scritta fascista"

L'appello di Michele Bastanzetti del Sac per il restauro dell'ultimo toponimo del ventennio

Roberto Silvestrin | commenti |

immagine dell'autore

Roberto Silvestrin | commenti |

VITTORIO VENETO - Rischia di scomparire l’ultimo toponimo fascista a Vittorio Veneto. E c’è chi – senza “nostalgia” ma con spirito “storiografico” - vuole conservarla.

 

Così Michele Bastanzetti del Sac ha scritto all’assessore alla cultura, Antonella Uliana: “A Vittorio Veneto esiste un toponimo, forse l’ultimo in città del periodo fascista, che già solo per il fatto di essere l’ unico sopravvissuto meriterebbe di essere salvato con lo stesso spirito cisonese, di certo non apologetico – scrive Bastanzetti -. Si tratta di “via Scipione l’Africano”, come si legge ad est di via Antonio Fogazzaro, letterato subentrato al generale romano nella dedicazione stradale”.

 

Il riferimento è all’iniziativa dell’amministrazione di Cison di Valmarino, che ha finanziato con 115mila euro un intervento per il restauro delle vecchie scritte murali in tutto il comune. Si tratta del recupero dei vecchi nomi delle vie, dei toponimi e delle antiche scritte sulle abitazioni e sugli edifici cisonesi. In tre case private cisonesi – i lavori sono comunque stati effettuati dal comune – sono stati restaurati anche tre motti risalenti al ventennio, il cui recupero rappresenta ad ogni modo solo una parte del restauro generale che recupera le vecchie scritte delle vie. 

 

“Non ricordo certo a lei che Publio Cornelio Scipione detto l’Africano stroncò, a Zama, Annibale e la minaccia cartaginese e rappresentò un mito-guida per il regime proteso ad emulare i fasti di Roma imperiale – continua Bastanzetti -. Propongo dunque alla amministrazione vittoriese il recupero di questa scritta prima che il tempo la divori. L’impegno finanziario dell’intervento sarebbe irrisorio”.

 



foto dell'autore

Roberto Silvestrin

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

immagine della news

15/05/2019

Tempo da serpenti!

Sul Monte Altare si schiudono in anticipo le uova di Colubro di Esculapio o ‘saettone’, in dialetto ‘cavaroncol’

immagine della news

19/01/2019

"Qui situazioni da roulette russa"

La denuncia di Michele Bastanzetti sulla viabilità a Ceneda: "Le ultime riverniciature della segnaletica una ventina d'anni fa"

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×