20/06/2018quasi sereno

21/06/2018quasi sereno

22/06/2018possibile temporale

20 giugno 2018

Benessere

Salute e spese sanitarie: cresce il turismo dentale fra gli italiani

commenti |

Il fenomeno del turismo dentale sta sempre più spesso spopolando in Italia: a causa degli ingenti costi presentati dai dentisti dello Stivale, infatti, sono numerosi i cittadini che decidono di andare a curarsi oltre confine, approfittando di prezzi stracciati e di una convenienza economica molto spiccata, per quanto concerne gli interventi ai denti. Eppure a volte questa scelta può rivelarsi non azzeccata: perché è vero che da un lato si risparmiano tanti soldi, ma è altrettanto vero che a volte queste cure sono insoddisfacenti. Quando accade qualcosa di spiacevole, poi, il paziente che ha scelto questa via non può nemmeno richiedere il risarcimento che gli sarebbe spettato nel caso si fosse rivolto ad un dentista italiano.

La moda del turismo dentale può dunque rappresentare un vero e proprio problema: da un lato per i professionisti che svolgono questo lavoro in Italia e che si trovano costretti ad affrontare una concorrenza spietata, con relativi danni economici e di immagine, dall’altro per i cittadini che incautamente vedono nel risparmio un’occasione più preziosa della propria salute. Inoltre, la suddetta tendenza assume contorni più gravi, a causa della moda di vivere una vera e propria vacanza dentale: alla visita dentistica all’estero (come ad esempio accade a Tirana, Albania), si aggiungono come contorno anche le sedute nei centri di bellezza, i tour cittadini e tutti gli altri elementi in grado di rendere maggiormente stuzzicante la visita presso un centro dentistico straniero.

Prima di ricorrere alle soluzioni proposte da altri Paesi, però, è importante informarsi bene. Innanzitutto, va precisato che chi non può permettersi di affrontare le spese di una cura dentale certificata in Italia, per risparmiare non deve per forza di cose recarsi all’estero e cedere alle tentazioni del turismo dentale. Anche nel nostro Paese, infatti, esistono dei modi per pagare cifre più contenute. Ad esempio, alcune società come Coop Alleanza 3.0 offrono ai loro soci numerose convenzioni riguardanti la salute e che, fra le tante opportunità, consentono agli iscritti di approfittare di agevolazioni per le visite dentistiche con i tanti professionisti che hanno scelto di aderire al programma.

Inoltre, bisogna considerare anche le varie controindicazioni del turismo dentale sottolineate dagli specialisti: ad esempio, circa il 30% degli italiani che si è rivolto a professionisti esteri per le cure dei denti ha avuto bisogno di nuovi interventi. Molto spesso, infatti, i materiali utilizzati erano scadenti, oppure sono stati fatti degli interventi senza considerare il rischio di infezioni. E’ fondamentale, quindi, informarsi bene sullo studio dentistico, magari richiedendo una certificazione, e sui materiali utilizzati.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.938

Anno XXXVII n° 12 / 21 giugno 2018

SULLA MIA PELLE

Il tatuaggio: una moda vecchia 5300 anni

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×