24/03/2017velature sparse

25/03/2017sereno con veli

26/03/2017temporale e schiarite

24 marzo 2017

La Sagra della primavera e Bolero..

due classici e storici balletti al Del Monaco

Spettacolo - Teatro - Cinema

quando sabato 18 febbraio - ore 20.45
dove Treviso
Teatro Del Monaco di Treviso
organizzazione Teatro Del Monaco di Treviso

 

TREVISO - La stagione di danza del Teatro Comunale Mario Del Monaco di Treviso prosegue con due capolavori della danza del Novecento, La sagra della primavera di Stravinskij e Bolero di Ravel, interpretati dalla MM Contemporary Dance Company, per la coreografia rispettivamente di Enrico Morelli e Michele Merola.

Lo spettacolo  è in programma sabato 18 febbraio alle 20.45 e sarà preceduto alle ore 20.00 al Ridotto del Teatro con l'introduzione all'ascolto a cura di Silvia Poletti, critico di danza.

 

 

LA SAGRA DELLA PRIMAVERA

Coreografia: Enrico Morelli

Musica: Igor Stravinskij

Costumi: Nuvia Valestri

Light design: Cristina Spelti

Interpreti: MM Contemporary Dance Company (10 danzatori)

 

Il 29 Maggio 2013 Le Sacre du Printemps di Igor Stravinskij ha compiuto cento anni: dopo lo scandalo suscitato all’esordio, con la prima versione della coreografia, realizzata a Parigi da Vaslav Nijinsky per i Ballets Russes di Diaghilev, la partitura è diventata notissima, tanto da poter essere riconosciuta alla prima battuta.

 Possente capolavoro musicale, scritto per un organico orchestrale al gran completo, Le Sacre è ispirato ad una antica leggenda slava. Secondo il mitico racconto, ad ogni  primavera una vergine doveva essere ritualmente sacrificata, affinché la terra potesse rifiorire. Nella propria interpretazione del Sacre, il coreografo Enrico Morelli si accosta con profondo rispetto a questa partitura, che ha ispirato i più grandi coreografi del ‘900.

Nell'allestimento che ne risulta, si rispecchia un risvolto dell'affannoso dinamismo del nostro tempo. Per combattere antiche e nuove paure, ed esorcizzare il male di vivere che accompagna il presente, ogni occasione è buona per individuare un capro espiatorio. Di volta in volta, per far ricadere responsabilità e timori sul colpevole di turno, spesso sommariamente liquidato, si avallano scelte demagogiche, o si compilano liste di proscrizione.

Nella scelta registica di Enrico Morelli, sulla nuda scena, come unico elemento, emergono dal buio e incombono dal soffitto lugubri ganci da mattatoio. Sono altrettante spade di Damocle, un monito severo che ci invita a guardare al passato, ad un tempo in cui tanti, troppi uomini sono stati mandati al macello, sacrificati a ideologie di morte e terrore, considerati numeri senza identità, corpi derubati della propria dignità.

 

BOLERO

Coreografia: Michele Merola

Musica: Maurice Ravel, Stefano Corrias

Costumi: Alessio Rosati con la collaborazione Nuvia Valestri

Interpreti: MM Contemporary Dance Company (7 danzatori)

 

Meccanismo ad orologeria dalla rigorosa precisione, Bolero (1928) è ancora oggi tra i brani più noti e ascoltati della storia della musica: una delle ragioni della fortuna del pezzo sembra essere fortemente legata all’evocazione di immagini di sensualità che questo suscita, anche quando tali suggestioni sono contrassegnate da una sostanziale ambiguità.

Nel realizzare una nuova versione coreografica del Bolero, Merola si è confrontato con questa musica ossessiva e ripetitiva, cercando di comprenderne l’identità, la ragione e la funzione, per arrivare così alla sua interpretazione: alla fine di questo percorso l’ispirazione del coreografo si è focalizzata sul ventaglio inesauribile dei rapporti umani, in particolare quelli di coppia, dentro ai quali, spesso, registriamo le reciproche e inconciliabili distanze tra uomini e donne, quel “muro trasparente” che li divide.

Così, nelle diverse sfumature assunte dalla danza, la coreografia declina la varietà di umori che “circolano” intorno e dentro al rapporto di coppia. Umori che, comunque, rendono speziata l’esistenza. Nella coreografia si proiettano, dall’interno verso l’esterno, paure, desideri rimossi, scosse esistenziali che rivelano interi universi, legami segreti che esistono tra le persone… e l’ironia lascia il posto al timore, l’amore al disinganno, il distacco alla condivisione, e via via, fra crescendo e diminuendo, come la musica del Bolero.

 

Su questa stessa musica, con la “licenza” e l’inventiva che sono il segno vero di ogni artista, è intervenuto Stefano Corrias. Da compositore raffinato ed esperto, consapevole delle esigenze del palcoscenico, Corrias ha creato una sua propria partitura musicale, liberamente ispirata alla versione originale del brano di Ravel. Il nuovo spartito è stato composto analizzando attentamente le pagine di Bolero, e si integra perfettamente con esso, collocandosi in tre diversi momenti: all’inizio della coreografia, a metà e subito prima del crescendo finale.

 

MM CONTEMPORARY DANCE COMPANY

La MM Contemporary Dance Company è una compagnia di danza contemporanea diretta dal coreografo Michele Merola e sostenuta dall’Associazione Progetto Danza di Reggio Emilia.

Formata attualmente da dieci danzatori solisti, è nata stabilmente nel 1999 come centro di produzione di eventi e spettacoli e come promotrice di rassegne e workshop con l’obiettivo di favorire scambi e alleanze fra artisti italiani ed internazionali, testimoni e portavoce della cultura contemporanea.

 

 

 

BIGLIETTERIA DEL TEATRO COMUNALE MARIO DEL MONACO:

Acquisto di persona: dal martedì al venerdì dalle 10.00 alle 14.00; il sabato dalle 10.00 alle 12.30;

Acquisto al telefono: dal martedì al venerdì dalle 14.30 alle 16.30 (0422 540480).

Acquisto online: www.teatrocomunaletreviso.it oppure www.boxol.it

il giorno dello spettacolo la Biglietteria apre un’ora prima dell’inizio dello stesso.

 

LAST MINUTE TICKETS

45 minuti prima dell’inizio dello spettacolo sarà possibile acquistare biglietti a 15 Euro per persone di età superiore ai 19 anni; a 8 Euro per persone di età inferiore ai 19 anni.

 

INFOLINE 0422 540480


 



Altri Eventi nella categoria Spettacolo - Teatro - Cinema

Oderzo

venerdì 24 marzo - ore 20:45 - Cinema Turroni, via Garibaldi 43 - Oderzo TV

Il cittadino illustre.

Cineforum

Caerano San Marco

24/03/2017 ore 20.45 - Teatro Maffioli, Villa Benzi - Zecchini

Maldamore.

Commedia di Angelo Longoni, regia di Roberto Conte, compagnia Teatro delle Lune

Commenta questo articolo


Appuntamenti in Evidenza

Musica

Spazio Live.

venerdì 24 marzo 2017 ore 21.00 - Teatro Art Voice Academy. Via delle mimose 6 - Castelfranco

Mostre

Agrimont.

18 – 19 / 24 – 25 – 26 marzo 2017, Venerdì dalle 14.30 alle 19. Sabato e Domenica dalle 9 alle 19. - Longarone Fiere, Via del Parco 3 - Longarone


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Zaia annuncia la manovra sull'Irpef per la Pedemontana Veneta. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.909

Anno XXXVI n° 5 / 16 marzo 2017

MENINGITE. DOBBIAMO AVERE PAURA?

Perché la meningite non è un incubo. Tanti buoni motivi per non creare un falso allarme. Benazzi: “Il numero dei malati è nella norma”. Il metodo - prevenzione (cioè il vaccino) funziona sempre

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×