22/02/2018pioggia debole

23/02/2018pioggia debole

24/02/2018variabile

22 febbraio 2018

Agenda

Roberto Piaia apre a Pieve di Soligo

"Il Sogno diventa realtà"

Mostre

quando Inaugurazione sabato 13 dicembre dalle h. 18.00 alle 20.00.
dove Studio d'Arte Roberto Piaia via Sernaglia 28, Pieve di Soligo (TV)
prezzo ingresso libero
info www.robertopiaia.com www.storiediluce.com carmen@robertopiaia.com Mob: (+39) 339 20 64 275
Inaugurazione studio d'arte

Roberto Piaia, l'artista indipendente e innovativo che ha rivoluzionato la pittura e la scultura contemporanea, finalmente realizza il sogno di poter creare ed esporre le sue opere in un’ampia location ricavata dal restyling di un ex capannone industriale di 500mq.
a Pieve di Soligo (TV) via Sernaglia 28.
Inaugurazione sabato 13 dicembre dalle h. 18.00 alle 20.00.

La maestria nel creare e il suo ricco Curriculum, fanno sì che Roberto Piaia riceva costantemente proposte da tutto il mondo per mostre ed esibizioni, in effetti, il 2015 si prospetta un anno ricco d’impegni che i suoi organizzatori hanno il compito di eseguire, nonostante questo, il sogno nel cassetto del maestro si è realizzato, può usufruire di una spaziosa location che ben si addice ad essere suddivisa in tre parti ben distinte, una dedicata alla creazione dei dipinti, l’altra a plasmare la creta per i modelli di base delle opere statuarie ed infine, 100 mq. destinati all’esposizione dove può ricevere gli ospiti amanti dell’arte condividendo la bellezza, l’innovazione e l’armonia delle sue creazioni.
Il restyling dell’ambiente, pur mantenendo fede alla struttura originale è arricchito di ritocchi dal sapore futurista, una perfetta fusione scenografica che esalta ancor di più le opere del maestro ricordandoci lo stile con il quale inventa e crea le sue opere che partono sempre da una base classica, ove dimostra una mirabile tecnica, arrivando attraverso la sua continua ricerca, ad una trasformazione in chiave contemporanea.

Per l’occasione sarà presentata in anteprima l’opera in marmo statuario di Carrara “Navitas” alta cm. 200 ), l’artista, con questa serie di opere a forma di spirale, che mantengono come soggetto d’ispirazione la figura femminile che per lui simboleggia l’armonia ed il mistero, sono create con il volto, le mani e i piedi dove spicca l’abilità esecutiva classica di Piaia mentre il corpo, pur mantenendo la struttura del suo volume è costituito da una doppia elica che si avvita su se stessa creando una spirale, donandoci così un gioco visivo di movimento e leggerezza, cercando di superare l’originario pensiero di dualismo tra anima e corpo attraverso un’interpretazione d’insieme che unisce la realtà al mistero, la materia alla sua essenza, non a caso la forma a spirale, simbolo di vita ed energia, ricorda il Dna che, come emblema ancestrale del nostro essere delinea il nesso con l’universo e della vita stessa, colta in pieno dalla raffinata sensibilità artistica di Roberto Piaia.
La stessa forma a spire libera la scultura da ogni vincolo materico; essa, infatti, è leggera ed in grado di abbandonare il limite e la pesantezza umana per librarsi in cielo e raggiungere l'energia vitale dell'eternità, di cui essa stessa è simbolo ancestrale.
Solamente una grande esperienza compositiva e una profonda conoscenza della materia hanno permesso a Roberto Piaia, dopo anni intensi di ricerca e studio, di creare una scultura innovativa e dinamica, caratterizzata da un avvolgimento della figura, in grado di esprimere la propria interiorità e la propria essenza.

Durante il vernissage si brinda con l’ottimo Prosecco offerto dall’Azienda vitinvinicola “Il Colle” di San Pietro di Feletto (TV)

Altri Eventi nella categoria Mostre

Commenta questo articolo


Appuntamenti in Evidenza

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.929

Anno XXXVII n° 3 / 15 febbraio 2018

SI. CUCINO GLI INSETTI

Benvenuti nella cucina di Roberto. Dove le larve di caimano prendono il posto delle verdure pastellate e i muffin vengono prodotti con farina di grilli. Perché dato che forse sarà questo il cibo del futuro, tanto vale iniziare a sperimentare. E gustare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×