20/09/2017quasi sereno

21/09/2017sereno

22/09/2017quasi sereno

20 settembre 2017

Treviso

Rivoluzione parcheggi in centro: 40 nuovi stalli per la sosta breve

Si potrà sostare per massimo 20 minuti con disco orario, ridotti i carico-scarico

Isabella Loschi | commenti | (1) |

TREVISO  - Qualche cittadino se n’è già accorto, qualcuno lo ha già sperimentato. Si tratta del nuovo sistema di parcheggio per le soste brevi in centro storico.

 

Il Comune ha dato vita al progetto “Parcheggio meglio a Treviso” attraverso il quale ha ridistribuito i posti a disposizioni per le auto, riducendo il numero di stalli carico- scarico, troppo numerosi secondo l’amministrazione, rispetto alle reali esigenze, che da 300 sono scesi a 170, con un adeguamento delle dimensioni per rendere più facile la sosta a furgoni e camioncini.

 

I restanti parcheggi sono stati così ridistribuiti: 40 stalli a disco orario, non a pagamento, per una sosta massima di 20 minuti, con 5 minuti di tolleranza. Anche per questi stalli bianchi, infatti, ci sarà lo stesso sistema tecnologico a sensori usato per i parcheggi blu, collegato con la centrale Trevisosta e con la Polizia locale, che segnala i trasgressori. I nuovi stalli, che andranno ad aggiungersi ai 12 già esistenti, sono stati ricavati anche dalla riduzione dei posti riservati ai clienti delle farmacie.

 

“Le nuove soste brevi sono state pensate principalmente per chi deve effettuare commissioni veloci in centro” - ha spiegato il vicesindaco Roberto Grigoletto, che questa mattina ha presentato il progetto finanziato con fondi europei del progetto europeo Life-Perht. A questi si aggiungono 14 parcheggi riservati ai residenti e 18 nuovi stalli a pagamento.

 

Le zone maggiormente interessate dalla nuova formula “sosta breve” sono piazza Pola, dove è stata definita anche la zona pedonale, piazza Trentin, piazza Duomo, via Battisti e Corso del Popolo.

 



Isabella Loschi

Commenta questo articolo


Questa è una soluzione intelligente anche perchè molto spesso non ci si ferma per ore ma appunto per qualche minuto.

segnala commento inopportuno

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×