22/09/2017quasi sereno

23/09/2017parz nuvoloso

24/09/2017rovesci e schiarite

22 settembre 2017

Montebelluna

Rispetto norme ambientali, censimento attività a Pederobba

Questionario inviato dal Comune alle aziende: su 150 hanno risposto in 58

commenti |

PEDEROBBA - Un questionario che permetta di verificare il rispetto alle normative ambientali in vigore, promuovendone la regolarizzazione, ma anche di sensibilizzare le aziende affinché contribuiscano al raggiungimento di un reale sviluppo sostenibile in forma volontaria.

Lo ha inviato il Comune di Pederobba a 150 aziende del proprio territorio. Ed in 58 hanno risposto, compilandolo e riconsegnandolo nei termini previsti.

 

“La raccolta dei dati richiesti alle attività produttive costituisce il primo importante passo per fotografare la condizione delle medesime in termini di impatto ambientale sul territorio – spiega il sindaco Marco Turato -. È fondamentale l’aiuto e l’apporto di tutti in tal senso; la mancata trasmissione dei dati, peraltro, potrebbe legittimamente far pensare che qualcuno voglia deliberatamente non collaborare con l’intento di omettere o nascondere alcuni aspetti della propria attività che potrebbero non essere del tutto regolari. Va da sé che, in mancanza dei dati di monitoraggio richiesti, sarà condotta dall’Amministrazione comunale una campagna di raccolta delle informazioni sia attraverso gli uffici comunali  e sia avvalendosi della collaborazione degli enti preposti alla vigilanza ambientale (Ulss e Arpav), sebbene l’Amministrazione preferisca operare in piena collaborazione e disponibilità con gli operatori”.

 

Nonostante la sopravvenuta scadenza del termine, il Comune invita le ditte che non hanno ancora provveduto, ad inviare il questionario compilato all’Ufficio protocollo del Comune o via mail all’indirizzo ambiente.pederobba@gmail.com.

“Si confida nella sensibilità di ciascuno nell’adoperarsi, anche con semplici iniziative come la consegna del questionario richiesto, a contribuire alla salvaguardia e alla tutela ambientale della nostra comunità”, conclude il sindaco.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×