14 dicembre 2019

Benessere

Ridurre l’alcol potrebbe aiutare a smettere di fumare

commenti |

commenti |

Ridurre l’alcol potrebbe aiutare a smettere di fumare

I vizi chiamano vizi, e questa non è di certo una novità. Spesso, infatti, le abitudini scorrette si sommano le une alle altre, creando un circolo negativo dal quale diventa molto difficile uscire. Una regola che pare si applichi anche al binomio alcol-sigarette: uno studio condotto di recente sostiene che le bevande alcoliche partecipano al cosiddetto “metabolismo della nicotina”, spingendo chi beve ad accendersi più sigarette. È un discorso che comunque approfondiremo qui di seguito, andando anche a studiare quali sono i metodi migliori per smettere di fumare.

 

L’alcol, le sigarette e il metabolismo della nicotina

 

Una ricerca condotta dall’Università dell’Oregon ha portato alla luce una forte connessione fra l’alcol e il fumo: secondo quanto emerso dallo studio, infatti, un adulto su cinque consuma sia le bevande alcoliche, sia le sigarette. Ciò che interessa a noi, però, sono le considerazioni sul metabolismo della nicotina: in base a diversi studi scientifici, compreso questo, è stato individuato un marcatore biologico che indica la velocità di assorbimento di questa sostanza nel nostro organismo. In tal senso, anche l’alcol giocherebbe un ruolo fondamentale nel suddetto meccanismo: secondo quanto emerso, le bevande alcoliche accelerano l’assorbimento della nicotina, spingendo il consumatore a fumare di più. Viceversa, eliminando l’alcol, il metabolismo della nicotina rallenterebbe, portando ad un consumo minore di sigarette. Il che vuol dire che, limitando il consumo di queste bevande , aumenterebbero le possibilità di dire addio al fumo.

 

Altri modi efficaci per smettere di fumare

 

Ogni lotta ad una dipendenza richiede pazienza, spirito di iniziativa e coerenza con le proprie scelte. Queste sono caratteristiche che non possono mancare, perché in caso contrario ogni tentativo di smettere si rivelerà inutile o soltanto temporaneo. È una premessa necessaria, perché l’efficacia dei metodi che vedremo fra poco dipende in primis dal fumatore, dato che nessuno possiede una bacchetta magica. Di contro, alcune soluzioni si rivelano decisamente più performanti, come le e-cig, oramai molto diffuse. Serve però sceglierle in base alle proprie necessità: ecco perché si consiglia di cercare online le guide specifiche su come scegliere la sigaretta elettronica migliore, così da ottenere uno strumento perfetto per ognuno di noi. Inoltre, siccome si parla come detto di una dipendenza, esistono dei veri e propri centri anti-fumo che consentono di disintossicarsi dal tabagismo, in maniera professionale. Per quanto riguarda i trattamenti sostitutivi, oltre alle e-cig troviamo i classici cerotti e le gomme alla nicotina. E anche se oramai leggiamo pochi libri, in libreria si trovano numerosi testi su come smettere di fumare, utili perché si basano sulla storia e sul percorso di chi ce l’ha fatta. Ad ogni modo, occorre ricordare che serve molta forza di volontà, e che l’aiuto di un professionista non è da escludere a priori, per vincere questa dipendenza.

 

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×