18/11/2018quasi sereno

19/11/2018nuvoloso

20/11/2018nuvoloso

18 novembre 2018

Benessere

Ricerca: Fioramonti lancia Notte europea ricercatori, il 28 in 116 città.

AdnKronos | commenti |

Roma, 12 set. (AdnKronos Salute) - Si avvicina l’ultimo venerdì di settembre e i ricercatori di tutta Europa si stanno preparando a festeggiare la loro Notte. Promossa per la prima volta nel 2005 dalla Commissione europea, la 'notte bianca' della ricerca si svolgerà il 28 settembre e in Italia saranno coinvolte 116 città e centinaia di ricercatori che, con un ideale 'filo rosso', si uniranno alle migliaia di ricercatori e istituzioni di ricerca di tutti i Paesi europei. Obiettivo della manifestazione è creare "occasioni di incontro tra ricercatori e cittadini per diffondere la cultura scientifica e la conoscenza delle professioni della ricerca" in un contesto informale e stimolante.

Dalle onde gravitazionali ai buchi neri, dai misteri del Dna alle esplorazioni spaziali come la missione Bepi Colombo prossima a partire a ottobre, la tredicesima edizione della Notte europea dei ricercatori è stata presentata oggi a Roma, al ministero dell'Istruzione, università e ricerca, dal sottosegretario Lorenzo Fioramonti, alla presenza dei presidenti dei maggiori Enti di ricerca italiani: Massimo Inguscio del Cnr, Nicolò D'Amico dell'Inaf, Fernando Ferroni dell'Infn, insieme a rappresentanti dell'Agenzia spaziale italiana, dell'Ingv e della Crui.

Il successo della Notte europea dei ricercatori "è testimoniato sia dal fatto che negli anni l’iniziativa è riuscita a conquistare un pubblico sempre più ampio, sia dal fatto che alle ultime selezioni per i progetti europei dedicati è stato registrato un record di partecipazione, con 128 progetti sottomessi, cioè quasi il 14% in più rispetto al precedente bando". In questo contesto molto competitivo, l’Italia si è infatti distinta: su 55 progetti approvati, sono stati finanziati ben 9 progetti nazionali, che illumineranno in 116 Comuni la notte dei ricercatori italiani assieme a tante altre iniziative locali.

E all'incontro al Miur hanno infatti preso parte anche i responsabili dei progetti italiani sostenuti dalla Commissione europea per il biennio 2018-2019, tra cui per il progetto Bees Cinzia Grasso, Project Manager di Frascati scienza; per il progetto B-Future Mario Pietracupa, presidente di Neuromed; per il progetto Bright Tarciso Lancioni, responsabile scientifico dell'Università di Siena; per il progetto Ern Apulias Giuseppe Maruccio dell'Università del Salento; per il progetto Meet Michele Nicolosi, capoarea della Ricerca dell'Università Milano Bicocca; per il progetto Sharper Leonardo Alfonsi di Psiquadro; per il progetto Society Giovanni Emanuele Corazza, presidente di Cineca, e per il progetto Superscienceme Andrea Luca Attanasio, responsabile Liaison Office Ateneo dell'Università della Calabria.

In particolare, un invito a essere attori protagonisti della Ricerca, insieme ai ricercatori, per una scienza partecipata e condivisa arriva alla tredicesima edizione della Notte europea dei ricercatori dal progetto "Bees, Be a citizen Scientist" attraverso cui la scienza "esce dai laboratori, va in piazza, ma non solo in quelle delle grandi città, come una rete a nido d’ape", ha spiegato Cinzia Grasso, project manager dell’associazione Frascati Scienza.

La Settimana della scienza e la Notte dei ricercatori di Frascati Scienza - dal 22 al 29 settembre - conta in programma quasi 400 eventi in 34 città italiane, coinvolgendo più di 60 partner. "Quest’anno - spiega Roberto Mastrosanti, sindaco di Frascati e presidente di Frascati Scienza - a coronamento della manifestazione, ci sarà il conferimento della cittadinanza onoraria a Piero Angela".

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×