24/06/2017piovaschi e schiarite

25/06/2017temporale e schiarite

26/06/2017quasi sereno

24 giugno 2017

Nord-Est

Regione, progetto di legge per impedire burqa e niqab

commenti |

VENEZIA - "Questo progetto di legge intende far chiarezza, per ragioni di sicurezza, sulla disciplina applicabile in tema di riconoscibilità delle persone e di mezzi per l'occultamento del volto". Così il relatore di maggioranza, Alberto Villanova, (Gruppo Zaia Presidente) ha introdotto il dibattito sul Progetto di legge statale da trasmettere al Parlamento nazionale relativo a Modifiche alla legge 22 maggio 1975 n.152 "Disposizioni a tutela dell'ordine pubblico" e alla legge 5 febbraio 1992 n. 91"Nuove norme sulla cittadinanza" e al Codice penale.

 

"Occorre puntualizzare il concetto relativo ai mezzi idonei a travisare o mascherare il volto - ha spiegato Villanova - visto che la legge vigente parla esclusivamente di caschi protettivi e poi, genericamente, accenna a qualsiasi altro mezzo idoneo. Con la nostra proposta indichiamo come mezzi idonei anche indumenti particolari, come il burqa e il niqab che per le loro caratteristiche rendono di fatto impossibile il riconoscimento delle persone. Aggiungo che tra le finalità della legge vi è anche quella di impedire che l'uso di questi indumenti sia imposto alle donne che vivono nel nostro Paese, prevedendo la reclusione da quattro a dodici mesi con la multa da 10 mila a 30 mila a chi con violenze e minacce costringe all'occultamento del volto. Norme analoghe sono state introdotte in Belgio e in Francia".

 

Commenta questo articolo


Loading...
vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.916

Anno XXXVI n° 12 / Giovedì 22 giugno 2017

C'ERA UNA VOLTA VIA CAPRERA

Lo sceriffo Gentilini ce l’ha ancora nel cuore. Tanto da prendere carta e penna e scrivere al Quindicinale. Per far memoria di una strada che era “centro commerciale urbano”. Dove si trovava il cementista, lo zoccolaio, lo stradin, l’osteria col servizio di carrozze....

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×