26/09/2018sereno con veli

27/09/2018sereno

28/09/2018sereno

26 settembre 2018

Oderzo Motta

Reati in serie, opitergino in carcere

Un 42enne è stato portato nel carcere di Santa Bona dai Carabinieri della Tenenza di Oderzo: dovrà scontare tre anni

commenti |

una pattuglia dei Carabinieri in centro a Oderzo

ODERZO - Droga, denaro falso, estorsione. Le accuse a suo carico erano molteplici. Tradotto in carcere perché deve scontare a Treviso una pena residua di tre anni. Nei guai un 42enne residente nel comprensorio opitergino.

Per C.M. a inizio settimana era arrivato un ordine di esecuzione da parte della Procura di Treviso: a suo carico da scontare un cumulo di pene per molteplici reati.

L’uomo è stato condannato per diversi illeciti, dallo spaccio di stupefacenti all’estorisione, dall’insolvenza all’appropriazione indebita, all’utilizzo di banconote risultate poi false.

I Carabinieri della tenenza di Oderzo martedì scorso hanno provveduto a notificargli l’atto della Procura.

Per poi procedere alla traduzione in carcere a Santa Bona. L’uomo dovrà scontare tre anni.

 

Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Oderzo Motta

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.942

Anno XXXVII n° 16 / 13 settembre 2018

NATI E ABBANDONATI

Abbandonare gli animali, in Italia, è un reato. Eppure qualcuno ogni giorno lo fa. La storia di Mister Frog e di chi si prende cura di lui e altri mille cani e gatti rimasti senza famiglia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×