18/02/2018pioviggine

19/02/2018quasi sereno

20/02/2018nuvoloso

18 febbraio 2018

Agenda

Quanto bio c’è nella DOCG?.

“Stato dell’arte delle colture biologiche nella denominazione Conegliano Valdobbiadene: studio preliminare finalizzato alla costituzione di un bio-distretto”

Incontri - Presentazioni

quando 15/02/2018
orario Dalle 20:00 alle 22:00
dove S. Pietro di Feletto
Aula Magna della Scuola primaria di Rua di Feletto - in via della Libertà
prezzo Ingresso gratuito
organizzazione Comune di San Pietro di Feletto
sito web https://goo.gl/8gbh8U

Giovedì 15 febbraio alle ore 20 presso l’aula magna della scuola primaria di Rua di Feletto (via della Libertà) si terrà il terzo incontro del ciclo “Viticoltura a San Pietro di Feletto. Aspetti e Problematiche 2018”, promosso e organizzato dall’Amministrazione comunale di San Pietro di Feletto e dedicato agli operatori del settore vitivinicolo e vinicolo e alla cittadinanza.

Il tema della serata sarà “Stato dell’arte delle colture biologiche nella denominazione Conegliano Valdobbiadene: studio preliminare finalizzato alla costituzione di un bio-distretto” con Fiorello Terzariol, consulente del Comune di Conegliano che illustrerà i numeri delle colture biologiche presenti nei Comuni del Prosecco Superiore DOCG; Sandra Furlan e Giulietta De Biasi della Rete Nazionale bio-distretti che offriranno un contributo su “I bio-distretti e la loro costituzione: una realtà in continua espansione”; Carlo Favero, direttore del Consorzio Vini Venezia, che farà il punto su “La realtà dei bio-distretti in Veneto: il caso dei bio-distretti Colli Euganei, Altopiano e Venezia”.

 

L’ingresso è libero e gratuito.

(foto Francesco Galifi)

Altri Eventi nella categoria Incontri - Presentazioni

Commenta questo articolo


Appuntamenti in Evidenza

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.929

Anno XXXVII n° 3 / 15 febbraio 2018

SI. CUCINO GLI INSETTI

Benvenuti nella cucina di Roberto. Dove le larve di caimano prendono il posto delle verdure pastellate e i muffin vengono prodotti con farina di grilli. Perché dato che forse sarà questo il cibo del futuro, tanto vale iniziare a sperimentare. E gustare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×