27/04/2018quasi sereno

28/04/2018quasi sereno

29/04/2018quasi sereno

27 aprile 2018

PROFUGHI NELLA MARCA

Tanti slogan e poche idee per affrontare la situazione

immagine dell'autore

Stefania De Bastiani

 

 

TREVISO - Era il 2011 quando, in Prefettura a Treviso, si iniziava a trattare il tema "profughi". Nessuna emergenza, ma qualche vertice era necessario per organizzare al meglio l'accoglienza delle persone che stavano raggiungendo la nostra provincia.

 

Zaia, a distanza di quattro anni, ha cambiato idea. Ora, dice basta.

Tutti (o quasi) erano disposti a fare la loro parte. Persino il presidente del Veneto Luca Zaia, che nel 2011, all'arrivo dei primi 700 migranti, ha dichiarato: "I profughi vanno accolti". Zaia, a distanza di quattro anni, ha cambiato idea. Ora, dice basta. Definisce l'arrivo dei migranti un'invasione e con lui sta la maggior parte dei sindaci del trevigiano.

 

Pure Manildo, a febbraio, ha detto: "Ora basta". Ma mentre gli amministratori alzano barriere di parole e rifiuti, ragazzi, donne e bambini africani e asiatici continuano a raggiungere la nostra regione. Scappano dalla guerra, dalla fame, dalle persecuzioni, attraversano il Mediterraneo in condizioni disumane. Coloro che sopravvivono al viaggio e ai soprusi, arrivano qui. In Italia, in Veneto, a Treviso. Dove vengono accolti da quelle poche strutture che si rendono disponibili a dare a queste persone un letto dove dormire.

 

Ma ciò che chiedono i profughi non è tanto il pane o il tetto quanto la possibilità di guadagnarselo da soli. Qui, o altrove. Ovunque.

 

Quanti sono? Dove sono? Quanti soldi prendono?

I profughi si raccontano

Che fare? Partecipa al sondaggio


Data pubblicazione:
Ultima modifica:

Argomenti del Dossier

Fiorella Mannoia

Fiorella Mannoia: "Ognuno a casa sua, ma anche noi"

"Ognuno a casa sua, ma deve valere anche per noi!! Anche basta!". E' questa la conclusione del post di Fiorella Mannoia che, parafrasando lo slogan utilizzato per i migranti 'Aiutiamoli a casa loro'

200 sopravvissuti sono stati trasportati a Tripoli

"Mangiati dagli squali", affonda barcone in Libia

Sono almeno 25 i migranti che hanno perso la vita in seguito al naufragio del barcone sul quale viaggiavano al largo della costa occidentale della Libia.

Migranti, altre 2 Ong sospendono i soccorsi

A poche ore dalla decisione di Medici senza frontiere altre 2 Ong hanno sospeso i salvataggi nel Mediterraneo. "Cari amici, oggi abbiamo deciso a malincuore di sospendere temporaneamente le nostre missioni di salvataggio nel Mediterraneo" scrive su Twitter il direttore di Sea-Eye, Michael Busch...

Solidarietà del vescovo al parroco. "Nessuna speculazione economica"

Il parroco di Gaiarine ha seguito le indicazioni di Papa Francesco

GAIARINE - Il vescovo di Vittorio Veneto, mons. Corrado Pizziolo, esprime piena solidarietà al parroco di Gaiarine don Pietro Salvador che si è adopeato per trovare ospitalità ad alcuni giovani richiedenti asilo.

Migranti: c'è intesa tra Italia, Francia e Germania

Trovato l'accordo tra Italia, Francia e Germania. A quanto si apprende, la questione migranti avrebbe fatto registrare a Parigi una "piena intesa" per il sostegno all'Italia da parte di Francia e Germania.


foto dell'autore

Stefania De Bastiani


SEGUIMI SU:

Altri dossier

14/11/2015

Strage di Parigi

Terrore a Parigi sconvolta venerdì sera (13 novembre 2015) da una serie di attentati.

I più Letti

del giorno
della settimana
del mese
*/ ?>
vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.934

Anno XXXVII n° 8 / 26 aprile 2018

MARGHERITA, LA BAMBINA NINJA

Margherita, la bambina ninja. È nata senza un braccio, e ora è campionessa di taekwondo

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×