26/02/2017velature sparse

27/02/2017quasi sereno

28/02/2017temporale e schiarite

26 febbraio 2017

PROFUGHI NELLA MARCA

Tanti slogan e poche idee per affrontare la situazione

immagine dell'autore

Stefania De Bastiani

 

 

TREVISO - Era il 2011 quando, in Prefettura a Treviso, si iniziava a trattare il tema "profughi". Nessuna emergenza, ma qualche vertice era necessario per organizzare al meglio l'accoglienza delle persone che stavano raggiungendo la nostra provincia.

 

Zaia, a distanza di quattro anni, ha cambiato idea. Ora, dice basta.

Tutti (o quasi) erano disposti a fare la loro parte. Persino il presidente del Veneto Luca Zaia, che nel 2011, all'arrivo dei primi 700 migranti, ha dichiarato: "I profughi vanno accolti". Zaia, a distanza di quattro anni, ha cambiato idea. Ora, dice basta. Definisce l'arrivo dei migranti un'invasione e con lui sta la maggior parte dei sindaci del trevigiano.

 

Pure Manildo, a febbraio, ha detto: "Ora basta". Ma mentre gli amministratori alzano barriere di parole e rifiuti, ragazzi, donne e bambini africani e asiatici continuano a raggiungere la nostra regione. Scappano dalla guerra, dalla fame, dalle persecuzioni, attraversano il Mediterraneo in condizioni disumane. Coloro che sopravvivono al viaggio e ai soprusi, arrivano qui. In Italia, in Veneto, a Treviso. Dove vengono accolti da quelle poche strutture che si rendono disponibili a dare a queste persone un letto dove dormire.

 

Ma ciò che chiedono i profughi non è tanto il pane o il tetto quanto la possibilità di guadagnarselo da soli. Qui, o altrove. Ovunque.

 

Quanti sono? Dove sono? Quanti soldi prendono?

I profughi si raccontano

Che fare? Partecipa al sondaggio


Data pubblicazione:
Ultima modifica:

Argomenti del Dossier

Migranti, Renzi: "Si sta perdendo tempo. Il problema è esplosivo"

"Sull'immigrazione, il punto non è che noi vogliamo accogliere e loro no. Se è giusto salvare tutti in mare, non è giusto accogliere tutti solo in Sicilia e Puglia. Noi siamo italiani, quindi generosi, però non possiamo lasciare che un problema come l'immigrazione esploda per l'incapacità...

Tre migranti minorenni pestati con mazze: uno è grave

Un dissidio per futili motivi, poi il pestaggio con le mazze da baseball. E' accaduto nel catanese, dove tre minori egiziani ospiti di un centro di accoglienza sono finiti in ospedale, uno in gravi condizioni, con un grosso ematoma al cervello per il quale è stato operato all'ospedale Garibaldi...

Il sindaco mercoledì a Roma con i primi cittadini Tonon e Giurati, per incontrare i sottosegretari di Palazzo Chigi e del Ministero dell’Interno

Profughi, Manildo chiede misure urgenti per il territorio

TREVISO - Tra le richieste che i sindaci porteranno a Roma: attivare una rete di accoglienza e protezione per il territorio e velocizzare i tempi delle procedure 


foto dell'autore

Stefania De Bastiani


SEGUIMI SU:

Altri dossier

14/11/2015

Strage di Parigi

Terrore a Parigi sconvolta venerdì sera (13 novembre 2015) da una serie di attentati.


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Otto casi di meningite nella provincia di Treviso. Sei preoccupato?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.908

Anno XXXVI n° 4 / 2 marzo 2017

LA CHIAVE DEL SUCCESSO

Imprenditrice (di successo), mamma (di sei figli), figlia di un deportato in campo di concentramento. Mariacristina Gribaudi, amministratore delegato dell’azienda Keyline di Conegliano, ne ha di cose da raccontare. Oltre che da fare. Ancora. E ancora.

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×