23 ottobre 2019

Mogliano

PREGANZIOL METTE ALL'INDICE SAVIANO

Da Re: "Senza i libri di Saviano il mondo va avanti lo stesso"

| commenti | (42) |

| commenti | (42) |

PREGANZIOL - Tre libri di Roberto Saviano sarebbero spariti dagli scaffali della biblioteca comunale di Preganziol, messi all'indice dopo la trasmissione "Vieni via con me" in cui lo scrittore ha parlato delle connessioni tra Lega e mafia in nord Italia. Per ora si tratta solo di un sospetto, visto che i volumi risultano disponibili consultando il sistema informatico di prenotazione che la Provincia di Treviso ha in uso per collegare le 95 biblioteche sparse nella Marca. Ma tra gli scaffali, come scrivono oggi i giornali locali, i tre volumi non ci sarebbero effettivamente più.

E nessuno è in grado di spiegarne la ragione. Per l'assessore provinciale alla cultura e responsabile delle biblioteche Marzio Favero i titoli di Saviano "sono regolarmente disponibili nella biblioteca di Preganziol, almeno secondo il sistema informatico". Quella della sparizione, dunque, per l'esponente leghista "é una notizia non verificata, tutta da dimostrare".

"E poi - sbotta - chi avrebbe avuto l'interesse a farli sparire, visto che è possibile reperirli in qualunque supermercato?". A stupirsi del clamore suscitato dal caso è anche il segretario provinciale del Carroccio, Gianantonio Da Re: "non stiamo parlando di Ungaretti - taglia corto - anche se non ci sono i libri di Saviano il mondo va avanti lo stesso". Per il Pd e il gruppo consiliare "Preganziol insieme", rappresentato dall'ex sindaco Franco Zanata, l'aver tolto i libri di Saviano dagli scaffali comunali è una scelta "vergognosa, arrogante e prepotente. Nelle prossime settimane - annuncia - verranno organizzate iniziative a sostegno della libertà di opinione e dell'opera di Saviano".

 

 

Leggi altre notizie di Mogliano
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×