21/02/2017coperto

22/02/2017nuvoloso

23/02/2017pioviggine

21 febbraio 2017

La poltrona prende fuoco, pensionato muore intossicato

TRIESTE - Intossicato dal fumo della poltrona andata a fuoco a causa di un mozzicone di sigaretta: è morto così, a Budoia (Pordenone), nella sua abitazione, Renato Angelin, pensionato di 74 anni, originario di Venezia.

 

Il decesso è stato scoperto oggi ma - secondo la ricostruzione dei Carabinieri, del personale del 118 e del medico di base, intervenuti sul posto - risale a ieri sera. L'uomo è stato trovato esanime a terra, in cucina, dalla nipote.

 

Secondo i Carabinieri, l'anziano, che aveva problemi di deambulazione, non sarebbe riuscito a trovare scampo dal fumo acre e denso sprigionatosi dalla combustione di una poltrona trovata completamente bruciata dalle fiamme causate con ogni probabilità da un mozzicone di sigaretta gettato all'interno di una borsa di nailon abitualmente utilizzata dall'uomo come posacenere.

 



Commenta questo articolo



vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Otto casi di meningite nella provincia di Treviso. Sei preoccupato?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.907

Anno XXXVI n° 3 / 16 febbraio 2017

CARLO E COSETTA: UNA VITA CHE E' (QUASI) POESIA

Zarlatàn (de Zèneda) e (quasi) poeta. Carlo se la ride sotto i versi. Nonostante la...censura. Ha iniziato a scrivere versi per “salvarsi”. Ma anche perché, sin da bambino, provava una simpatia particolare per la poesia, che riusciva a imparare a memoria senza fatica. Col tempo, Carlo Piasentin ha fatto di un impulso giocoso una passione fondamentale. Eppure, in casa, ha sempre avuto un giudice severissimo: la moglie Cosetta. Che - ma questa è pura chiacchiera da salotto - lo ha sposato...per allegria

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×