18 agosto 2019

Vittorio Veneto

"Pizzoc, tritacarne di uccelli migratori"

Zanoni ribadisce il suo no all'eolico. E annuncia la protesta

commenti | (5) |

FREGONA - Il sindaco di Fregona Giacomo De Luca ha firmato qualche settimana fa un accordo con la società Enel Green Power che insatallerà sulla cima del Monte Pizzoc le tanto chiacchierate, odiate e benvolute pale eoliche.

 

Una diatriba che dura da tempo, e che ha visto in prima fila tra gli oppositori del progetto l'eurodeputato Andrea Zanoni (in foto). Che, ad accordo fatto, non si è arreso. Ma è giunto in loco. Domenica scorsa l'Europarlamentare era sulla Cima del Pizzoc. “E' una follia, si tratta del posto più sbagliato di tutto il nord Italia per costruire un simile impianto.  - ha commentato Zanoni - Sono un forte sostenitore dell'eolico ma solo dove questo è conveniente in termini ambientali e di ritorno economico e solo se ubicato in un'area idonea”.

 

Zanoni, che al Parlamento è membro della Commissione ENVI Ambiente, Salute Pubblica e Sicurezza Alimentare, sottolinea che “queste gigantesche pale eoliche sono una vera e propria minaccia per le migliaia di uccelli migratori che transitano per l'area, una delle principali rotte italiane di migrazione dell'avifauna”. “Dopo il sopralluogo effettuato sono ancora più convinto che questo progetto sia deprecabile visto che condannerà questa stupenda montagna a diventare un tritacarne di uccelli migratori e un luogo di rumore continuo quando invece adesso è l'unico punto della provincia di Treviso dove si può ascoltare il silenzio – continua l'eurodeputato – Trovo inoltre scandaloso che il sindaco di Fregona, Giacomo De Luca, abbia firmato l’accordo con la società Enel Green Power senza passare per il Consiglio comunale”.

 

“Dopo lo smantellamento di una vecchia caserma della Nato, nell'area è stato ricavato una piazza ribattezzata “della pace”. Fermiamo questo progetto oppure bisognerà cambiarle il nome a causa dell'impatto ambientale, del rumore e della carneficina di uccelli che verrà causata. Con i comitati locali  - annuncia - stiamo programmando una conferenza pubblica e una manifestazione contro questo progetto che terremo molto probabilmente tra ottobre e novembre prossimi”.

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Son pure io contrario alle pale eoliche in Pizzoc, anche perché per alimentare le malghe ne bastava una ed invece il Sindaco De Luca, che vuol fare il business, ne schiafferà 5 (o di più?). Ma Zanoni, quando parla di carneficina di uccelli, usa i soliti toni da predicatore apocalittico, proprio come sulla "mattanza" dei cervi che secondo lui è sbagliata.
PS: Sul Pizzoc han appena collocato due pennoni, credo per le pale di prova. Non si vedranno da Fregona, che sta proprio sotto il monte, ma ben si vedranno da tutto il resto dell'orizzonte!

segnala commento inopportuno

Scusi, mi sforzo tanto a capirla, ma non ce la faccio proprio.
Anche lei, come Zanoni, è contrario alle pale eoliche. Bene; allora perchè si perde con altre argomentazioni? Si concentri sui contenuti e non vada fuori tema.
Sul fatto del "predicatore apocalittico", oserei dire che lei ne è un degno esemplare. Ma, purtroppo, riesce solo nell'intento opposto. Mi spiego: dopo tanto abbaiare, la famigerata ed obbrobriosa bretella di Ceneda è stata infine (ahimè) costruita?

segnala commento inopportuno

Caro Blaise, a proposito di fuori tema le faccio notare che la bretella c'entra con le pale del Pizzòc come i cavoli a merenda. Sulla bretella, comunque, i fatti hanno dato abbondantemente ragione ai Comitati: una strada fallimentare, incompiuta, costata uno sproposito, che ha distrutto inutilmente storia ed ambiente.
Sulle pale del Pizzòc ripeto che sono contrario e la zanoniana "carneficina" degli uccelli è sicuramente una delle argomentazioni più deboli per scongiurarle. Ma purtroppo lei mi insegna, caro Pascal, che quando c'è forte aria di business il cittadino, anche se ha ragione, ha poche chance e l'ambiente pure...

segnala commento inopportuno

Senza formulare alcun pensiero malevolo. che non m'appartiene... Mi verrebbe voglia di collocare davanti al Municipio una bella tazza di water di ceramica, magari fissandolo al suolo con un po' di calce o cemento. Sono certo che il mio water non passerebbe inosservato per molto tempo. Forse, qualcuno si chiederà anche se sia una cosa bella o da esibire.... Perchè le pale sul Pizzoc, sono forse belle? Forse, fra le due, è meno orribile il water.... Checchè ne dica il Sindaco. Paolo Dotta. p.dotta@virgilio.it - Bologna, 11/07/13.

segnala commento inopportuno

Non facciamo pale eoliche sul Pizzoc, Molto meglio far costruire una bella centrale a carbone a 300km per darci l'energia utile a leggere certe "amenità" su un giornale online. Siamo alle solite, voglio il cellulare ma non le antenne, l'elettricità ma non i sistemi per produrla, l'automobile ma non l'inquinamento.
Svegliatevi gente, onorevoli compresi, i bambini all'asilo fan capricci più coerenti.

segnala commento inopportuno

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

immagine della news

08/07/2018

Antico Troi degli Sciamani: vincono Geronazzo e Mazzocco

Oggi, domenica 8 luglio tra Fregona e la foresta del Cansiglio, si sono corsi il Pizzoc Trail (22 km e 1.500 m+), il Troi dei Cimbri (45 km e 2.200 m+) e l’Antico Troi degli Sciamani (82 km e 4.600 m+). Ieri in Cansiglio il Mini Trail

immagine della news

11/08/2014

Si perde sul Pizzoc

Turista pordenonese ritrovata verso sera nei pressi del rifugio Vittorio Veneto

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×