21/07/2018temporale e schiarite

22/07/2018possibile temporale

23/07/2018possibile temporale

21 luglio 2018

Treviso

Pistola puntata alla testa della farmacista in cassa: cliente sviene dalla paura

Momenti di terrore nel corso della rapina a Silea. In arresto due senegalesi ed un albanese

commenti |

SILEA Sono due senegalesi di 41 e 45 anni ed un albanese di 23 anni gli arrestati dalla polizia ieri sera per la rapina alla Farmacia Internazionale di Silea. Si tratta di Mahfouz Fall e Aliou Diop, residenti a Casier, e di Erjon Lukaj, domiciliato a Silea (nelle foto). Per tutti e tre l’accusa è di rapina in concorso con l’aggravante dell’uso delle armi e di resistenza a pubblico ufficiale. L’albanese avrebbe esclusivamente guidato l’auto con cui sono fuggiti a seguito del colpo, mentre all’interno della farmacia hanno agito i due senegalesi.

 

Le telecamere del sistema di videosorveglianza hanno ripreso l’intera rapina, durata alcuni minuti. I due hanno fatto irruzione impugnando uno una pistola giocattolo, ma molto simile ad un’arma vera, e l’altro un coltello. Hanno fatto sedere per terra dei clienti e poi hanno minacciato i farmacisti, prima col coltello e poi puntando la pistola alla testa. Due clienti, marito e moglie che si trovavano davanti alla cassa, sono rimasti impietriti, assistendo alla scena.

La moglie, quando i due rapinatori sono usciti, è pure svenuta per la paura, tanto che è stato richiesto l’intervento del 118: fortunatamente, comunque, non ha riportato gravi conseguenze.

 

 

Nel complesso, comprendendo anche i soldi contenuti all’interno del portafogli di un cliente che si sono fatti consegnare prima di uscire, hanno preso 1.200 euro.

 

L’allarme antirapina è scattato immediatamente. La polizia è giunta sul posto con personale delle volanti e della squadra mobile, intercettando la Renault Clio su cui stavano fuggendo i tre lungo il Terraglio, a Casier. Uno dei poliziotti ha tentato di mettersi in mezzo alla strada nel tentativo di bloccarli e l’albanese alla guida ha cercato di investirlo. La fuga però è durata ancora poco: i rapinatori sono stati bloccati e tratti in arresto poco distante.

 

I due senegalesi vivono a Casier, mentre l’albanese risiede a Silea, sono tutti e tre incensurati. Dalla perquisizione di casa sono spuntate pure nove dosi di cocaina. Si sta indagando ora per capire se possano essere responsabili di altre rapine avvenute in provincia.

 

 

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×