20/08/2017quasi sereno

21/08/2017quasi sereno

22/08/2017quasi sereno

20 agosto 2017

Treviso

I piccoli pazienti del Cà Foncello a scuola di risate

Lezione speciale per bambini e genitori tenuta da Richard Romagnoli ambasciatore nel mondo di yoga della risata

commenti |

TREVISO - Risate e ottimismo oggi alla Scuola in Pigiama della Pediatria del Ca’ Foncello. Per un’ora i bambini oncologici dell’Ospedale di Treviso sono stati a lezione di una materia speciale: il saper ridere. Accompagnati dai loro genitori e alla presenza dei medici e degli infermieri hanno sostenuto una lezione di ottimismo e felicità tenuta da Richard Romagnoli, master trainer e ambasciatore nel mondo di yoga della risata. L’iniziativa nasce dalla collaborazione con il Soroptimist Club di Treviso. 


Nel corso degli anni, Romagnoli – collaboratore di imprese internazionali come life coach per il benessere delle risorse umane - si è specializzato in questa materia fino ad analizzarla dal punto di vista scientifico e da diventare esperto mondiale nel campo della Laughter Therapy e della metodologia della risata incondizionata.

Un metodo guidato da tecniche semplici che favoriscono i percorsi terapeutici. 
“E’ stato un evento rilevante – sottolinea Francesco Benazzi, direttore generale dell’ulss2– sia per l’impatto sui pazienti e i familiari sia per lo scopo primario a cui mira. Ha portato in un ambito così delicato come l’oncologia pediatrica un ulteriore tassello di quell’umanizzazione dei servizi ospedalieri che riteniamo sempre più importante. Ringrazio il Soroptimist per questa ulteriore prova di collaborazione nell’obbiettivo comune che èil bene dei nostri pazienti”.

 

Commenta questo articolo


Loading...
vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.918

Anno XXXVI n° 14 / 27 luglio 2017

VACCINI A SCUOLA. PROMOSSI O BOCCIATI?

Per andare a scuola non basta il diario. Ora ci vuole il libretto sanitario. Con il certificato delle vaccinazioni.Ma è proprio indispensabile?

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×