19 novembre 2019

Vittorio Veneto

Pericoli e verità sull'inquinamento da Pfas

L'incontro con Vincenzo Cordiano domenica alla Biblioteca di Ceneda

commenti |

commenti |

VITTORIO VENETO - L’inquinamento da Pfas torna sotto i riflettori. Domenica 19 marzo, alla Biblioteca civica di Ceneda alle 15.30, terrà il suo intervento Vincenzo Cordiano, medico dell’Isde, il primo a lanciare l’allarme sull’inquinamento da Pfas in Veneto, ipotizzando un collegamento tra la presenza di sostanze tossiche nell’acqua e alcune patologie presenti nella popolazione.

 

“Perchè le autorità sanitarie locali e regionali in documenti ufficiali si ostinano a considerare idonee per il consumo umano le acque contaminate da Pfas?” si chiede Cordiano.

 

Gli Pfas sono una nuova classe di inquinanti, le cui principali proprietà sono sfruttate per produrre molti prodotti, come il rivestimento anti-aderente delle padelle (Teflon) e il Goretex. Ma gli Pfas sono utilizzati anche per la produzione di pesticidi e insetticidi, detersivi, pelli e tessuti, contenitori per alimenti. L’incontro sarà l’occasione per approfondire uno dei temi scottanti in Veneto, che hanno attratto anche l’attenzione dei media a livello nazionale.

 

Ad intervenire ci sarà anche il collettivo Wu Ming 1, per presentare il libro “Un viaggio che non promettiamo breve”, dedicato alla questione della Tav, la linea ad alta velocità Torino-Lione, che ha generato proteste veementi soprattutto in Val di Susa.

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×