24/02/2019quasi sereno

25/02/2019quasi sereno

26/02/2019velature sparse

24 febbraio 2019

Montebelluna

La Pedemontana “finisce” dal ministro Toninelli: “Ci dica se il contratto va bene”

A dirlo Stefano Fracasso. Possibilità di aprire tavolo tecnico col governo su criticità

commenti |

pedemontana

CASTELFRANCO/MONTEBELLUNA - “La Pedemontana è nata tardi e male, frutto di un contratto di project financing i cui difetti sono stati evidenziati da più enti, dalla Corte dei Conti ad Anac. Adesso manca il ministero delle Infrastrutture: Toninelli dica se questo contratto va bene o no”. A dirlo è Stefano Fracasso, capogruppo in Consiglio regionale del Pd, intervenendo sulla mozione presentata da Partito Democratico, Cinque Stelle e LeU in cui si chiedeva alla Giunta di aprire un tavolo tecnico con il governo sulle criticità della Pedemontana

 

“Dispiace che sulle responsabilità politiche di quel contratto, frutto dell’ultima legislatura guidata da Galan e in cui la Lega era saldamente presente, sia calato il silenzio più assoluto – prosegue - Si tratta di un atto che ha lasciato in eredità vincoli pesantissimi, che sono peggiorati nel tempo. Il pubblico è dovuto nuovamente intervenire, 300 milioni della Regione dopo i 300 del Governo, cambiando radicalmente la natura del contratto: ormai non è più un project financing ma un appalto diretto mascherato, con il rischio d’impresa a carico del concessionario che è sparito.

Corte dei Conti ed Anac hanno espresso numerose criticità, siamo convinti che sia opportuno rivedere il Piano economico-finanziario dell’opera che rischia di essere un salasso insostenibile per le casse pubbliche. Adesso tocca al ministro Toninelli: batta un colpo, altrimenti dovremo aspettare l’apertura della Superstrada per poi accorgerci di quello che è già evidente: i conti non tornano”.

 

Leggi altre notizie di Montebelluna

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Montebelluna
vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×