31/07/2016possibile temporale

01/08/2016piovaschi e schiarite

02/08/2016quasi sereno

31 luglio 2016

Il parroco nega la sala ai vegani

E loro non ci stanno: «Il veganismo non c’entra nulla con l’anoressia»

CASTELFRANCO – Il parroco nega la sala all’associazione dei Vegani Castellani per la presentazione di un libro. Il caso sta facendo parecchio discutere a Castelfranco.

Il parroco del Duomo, Don Adriano Cevolotto, non ha concesso la sala parrocchiale al gruppo, in quanto ritiene che il veganismo possa in qualche modo essere associato all’anoressia, soprattutto se vi si avvicinano adolescenti. Non ci sta l’associazione Vegani Castellani, che definisce quantomeno «singolare» la decisione del sacerdote.

Don Adriano, fanno sapere i vegani, avrebbe sottolineato nella sua risposta alla richiesta di mettere a disposizione la sala, che i «comportamenti vegani possono causare problemi seri».

 

Interpellato per una replica il sacerdote taglia corto: «Ho già risposto loro in forma scritta, non mi pare il caso di parlarne tramite i giornali». L’associazione Vegani Castellani comunque non l’ha presa bene.

«Avremmo compreso – dicono - se ci avesse risposto che non sono ben accetti eventi non pertinenti alla religione cattolica, ma legare veganismo e anoressia ci sembra a dir poco ridicolo: basta solo uno sguardo ai Vegani Castellani per rendersi conto che siamo tutt'altro che anoressici, malaticci o pallidi!».

 

«A noi Vegani Castellani – affermano ancora dall’associazione - sembra inoltre assurdo che questa critica ci arrivi da un esponente di una chiesa che per chiedere grazie e fare penitenze da secoli si serve dello strumento del digiuno. Una ragazza anoressica non potrebbe forse fingersi penitente per mascherare la sua malattia? Sembra che questo dettaglio a Don Adriano sia sfuggito.

Forse perché le sue considerazioni non derivano dal monitoraggio di un reale rischio, ma dal triste pregiudizio di chi non conosce».

 

 

(Nella foto - da giannidesti.com - il Duomo di Castelfranco)

 



Matteo Ceron

Commenta questo articolo


si capisce dalla reazione al rifiuto il perché del rifiuto stesso; come si fa a chiedere un favore e alla negazione sparare a zero sui concetti non strettamente legati alla motivazione, ma ampliati in modo sproporzionato al credo della fede? chiaro che a questi signori non interessa nulla della fede se non per raggiungere i loro scopi.
si erudiscano un fatto di digiuni.
penso che il parroco in questione conosca bene le sue pecorelle.
io da profano in fatto di alimentazione vegana mi chiedo cosa ci sia dietro a tutta questa movimentazione, forse che i nostri antenati (compresi i nostri genitori, cosicché anch'io) siamo degli irresponsabili a voler mangiare in modo onnivoro secondo la nostra conformazione fisica? basta essere parsimoniosi.

segnala commento inopportuno

Sig. Brll che l'uomo è onnivoro?
Io le dico legga qui http://www.animalstation.it/mondo-vegan-faq/
e cominci a porsi delle domande, su chi siamo, che cosa facciamo e poi analizzi i problemi di Etica e di Salute che il mangiar carne comporta.
Evoluzione è questo..
Essere CONSAPEVOLI..
Perché la CONSAPEVOLEZZA è l'unica arma che abbiamo per essere davvero UOMINI LIBERI..
Buona Vita
V.

segnala commento inopportuno

non comprendo il perché della polemica...non stiamo parlando di una struttura pubblica, ma di una sala privata. se il parroco non gradisce l'ideologia vegana è libero di non prestare la sala. non deve rendere conto a nessuno sul punto e decide in piena e legittima autonomia. l'associazione potrebbe, tuttavia, chiedere al comune di fruire di spazi aggregativi.

segnala commento inopportuno

Vero, se il parroco non gradisce la ideologia vegana, è libero di non imprestare la sala....Comunque, prima di criticare uno stile di vita sano, gli conviene prima informarsi! Sono vegetariana dall'eta' di 6 anni per scelta e vegana da 3 anni tutt'ora godo di ottima salute , anche durante la gravidanza e mio figlio nato vegano è perfettamente sanissimo!

segnala commento inopportuno

Ma infatti il problema non è il fatto che non vuole affittare la sala, il problema è che il parroco definisce chi non mangia gli animali perchè LI AMA come persone pericolose! Dicendo che i "comportamenti vegani possono causare problemi seri"..
Alludendo al fatto che il non mangiare gli animali possa ricondursi all'Anoressia!
Quando è questa società che ci vuole tutti belli e tutti magri a farlo...
Questo è il problema,solo questo!

segnala commento inopportuno

vegani pericolosi,problemi seri???? ultimamente sento piu' bambini stuprati da preti che morti per uno stile di vita vegano.....!

segnala commento inopportuno

Parroco blasfemo e razzista dovrebbe essere scomunicato dal Papa

segnala commento inopportuno

Dossier

Dello stesso argomento


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Le recenti stragi terroristiche hanno influenzato i tuoi programmi estivi?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.896

Anno XXXV n° 14 / 28 luglio 2016

LA TABACCAIA CON LA PISTOLA

Ha subito otto rapine in otto anni. Quando al mattino solleva la saracinesca della sua tabaccheria, si augura che non le succeda nulla di irreparabile. Perché la paura le è entrata nel cuore. In quegli occhi azzurri, sotto-sotto un po’ diffidenti. Per esperienza. Carla De Conti, a 50 anni, ha deciso di impugnare una pistola.

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×

Attenzione! è necessario loggarsi al sito per completare la procedura



×