21/02/2017coperto

22/02/2017nuvoloso

23/02/2017pioviggine

21 febbraio 2017

Parcheggiatori abusivi all’ospedale, arrivano i carabinieri

Dopo le segnalazioni dei cittadini ne sono stati identificati una decina

CASTELFRANCO Parcheggiatori abusivi all’ospedale San Giacomo di Castelfranco: dopo le segnalazioni dei cittadini arrivano i carabinieri. Ne sono stati identificati una decina, tutti africani provenienti soprattutto da Padova.

Nei loro confronti comunque non sono scattati provvedimenti di alcun tipo. Infatti non è reato chiedere l’elemosina, anche se l’attività può infastidire i frequentatori della struttura ospedaliera.

 

La formula è sempre la stessa: aspettare che qualcuno arrivi con l’auto, indicare che c’è un posto auto ed “aiutare” nel parcheggio, per poi chiedere qualche moneta.

Un servizio non richiesto dagli utenti, i quali nella maggioranza dei casi rispondono “no” alla richiesta di denaro, anche se evidentemente qualcuno che “paga” c’è, altrimenti non si spiegherebbe il perché di una loro costante presenza, soprattutto nei giorni di mercato.

 



Commenta questo articolo


Dello stesso argomento


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Otto casi di meningite nella provincia di Treviso. Sei preoccupato?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.907

Anno XXXVI n° 3 / 16 febbraio 2017

CARLO E COSETTA: UNA VITA CHE E' (QUASI) POESIA

Zarlatàn (de Zèneda) e (quasi) poeta. Carlo se la ride sotto i versi. Nonostante la...censura. Ha iniziato a scrivere versi per “salvarsi”. Ma anche perché, sin da bambino, provava una simpatia particolare per la poesia, che riusciva a imparare a memoria senza fatica. Col tempo, Carlo Piasentin ha fatto di un impulso giocoso una passione fondamentale. Eppure, in casa, ha sempre avuto un giudice severissimo: la moglie Cosetta. Che - ma questa è pura chiacchiera da salotto - lo ha sposato...per allegria

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×