22/09/2017quasi sereno

23/09/2017parz nuvoloso

24/09/2017rovesci e schiarite

22 settembre 2017

Montebelluna

Onigo, taglio del nastro per la scuola

Dopo le aule e la mensa, consegnati parco, parcheggi e passaggi pedonali

commenti |

PEDEROBBA - Si terrà sabato 20 maggio ad Onigo l’inaugurazione della nuova ala del complesso che ospita l’Istituto Comprensivo di Pederobba che comprende la scuola primaria e la secondaria.

La nuova opera scolastica, unitamente alla sistemazione urbanistica esterna, che ha ridisegnato l’aspetto del centro del paese con la demolizione dell’ex asilo e con la creazione di un parco pubblico, un sistema di parcheggi, nuova viabilità e una rete di marciapiedi in sicurezza, sono la traduzione di un accordo di pianificazione urbanistica risalente al 2008 e definito con la ditta Emaprice di Possagno dall’allora sindaco Raffaele Baratto.

 

"L’obiettivo della precedente amministrazione e di questa – precisa il sindaco Marco Turato – è stata quella di rafforzare in tutte le frazioni del Comune le diverse realtà scolastiche potenziandole sia a Pederobba che a Covolo con il polo dell’infanzia per non penalizzare nessuno, convinti che le realtà scolastiche danno vita e la giusta linfa al territorio". 

L’intervento si è svolto in due fasi: prima sono state consegnate cinque nuove aule ed una nuova mensa, a settembre dello scorso anno, ora si termina con l’ultimazione del parco, dei parcheggi e dei percorsi pedonali a norma. Il nuovo parco sarà intitolato ai “Diritti dei Bambini” in risposta al suggerimento diffuso alle amministrazioni locali dall’Unicef.

 

"Si annuncia un momento piacevole e di grande gioia – conclude il sindaco – perché assieme alla  presidente provinciale dell’Unicef Mariella Andreatta, al Lions Club che donerà una fontana per il nuovo parco, e ad una serie di autorità, avremo la banda di Pederobba insieme tutti i nostri studenti che da tempo si stanno preparando per cantare e suonare".  

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×