06 dicembre 2019

Treviso

Offrivano lavoro ai giovani come consulenti, ma era una truffa

commenti |

commenti |

Offrivano lavoro ai giovani come consulenti, ma era una truffa

TREVISO - Quattro persone sono indagate per truffa nei confronti di decine di giovani in cerca di lavoro. L'operazione è stata condotta dal Comando provinciale di Gorizia della Guardia di Finanza che ha effettuato perquisizioni e sequestri nei confronti di una donna di 39 anni residente a Cormons (Gorizia), due coniugi di 52 e 47 anni residenti a Marcon (Venezia) e un uomo di 49 anni residente a Mestre (Venezia), ritenuti responsabili di plurime condotte perpetrate in danno di diverse persone, principalmente giovani e in cerca di occupazione, "agganciati" mediante la pubblicazione su vari siti internet di annunci relativi a un'offerta di lavoro.

 

Le indagini, avviate dopo una denuncia presentata ad aprile da una ragazza goriziana vittima del raggiro, hanno permesso di appurare come giovani in cerca di occupazione venissero attirati attraverso annunci di lavoro come 'consulente turistico' pubblicati su internet da una srl di Marcon e presente su tutto il territorio nazionale con una rete di oltre 80 agenzie di viaggi in franchising, affiliate alla società madre che si occupa di intermediazione di pacchetti vacanze prodotti da operatori turistici.

 

Secondo la ricostruzione, ai ragazzi venivano promesse interessanti provvigioni, ma alla resa dei conti restavano loro solo da saldare rate della finanziaria da cui avevano acquistato il pacchetto vacanze che dovevano a loro volta rivendere al cliente finale. Le indagini hanno portato ad ascoltare decine di persone, tutte intestatarie di contratti di finanziamento, residenti tra le province di Gorizia, Udine, Treviso, Varese, Taranto, Venezia, Padova, Ragusa e Foggia, che hanno deciso di sporgere querela. 

 

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×