18 settembre 2019

Montebelluna

Nuovo impianto Contarina, 73mila tonnellate di umido e vegetale trasformate in compost di elevata qualità

Inaugurato l’impianto di trattamento a Trevignano, interamente riqualificato

commenti |

contarina

TREVIGNANO - Inaugurato oggi il nuovo impianto di trattamento del rifiuto umido e vegetale di Contarina, alla presenza del presidente della Regione del Veneto Luca Zaia, del presidente della Provincia di Treviso Stefano Marcon, i vertici di Contarina e numerosi Sindaci del territorio. Nato da un’importante opera di riqualificazione e ampliamento della vecchia struttura situata a Trevignano e rimasta in attività fino a settembre 2016, il nuovo impianto si estende su un’area complessiva di circa 129mila mq ed è in grado di gestire circa 73.000 t all’anno di rifiuto umido e vegetale (rispetto alle circa 35.000 t annue trattate dalla vecchia struttura), con una produzione prevista di compost pari a circa 26.800 t/anno.

 

In questo modo, l’impianto potrà trattare tutto il rifiuto organico prodotto nei 50 Comuni serviti da Contarina, consentendo una completa autonomia gestionale. Per questa importante opera di riqualificazione, l’azienda ha sostenuto un investimento complessivo di 21milioni e 400mila euro.

 

“Il nuovo impianto – commenta soddisfatto il presidente di Contarina Franco Zanata – ci consentirà di raggiungere la completa autosufficienza nel trattamento del rifiuto umido e vegetale raccolto nei 50 Comuni serviti, finora infatti circa il 50% del materiale doveva essere portato a impianti terzi situati fuori provincia. La nuova struttura rappresenta dunque una prova concreta dell’impegno che Contarina sta mettendo in campo per attuare gli obiettivi di sostenibilità e massima efficienza che da sempre ispirano le nostre politiche di gestione dei rifiuti.”

L’intervento realizzato garantisce la mitigazione dell’impatto ambientale grazie alla massima riduzione delle emissioni di CO2 e di cattivi odori, migliorando al contempo il processo di compostaggio. La riduzione dell’emissione di cattivi odori è garantita dalla chiusura totale di tutti gli edifici dove vengono trattati o stoccati i rifiuti e da un efficiente sistema di trattamento delle arie esauste. Vari anche gli accorgimenti attuati per il miglioramento del processo di compostaggio, come l’aumento della frequenza dei rivoltamenti per favorire l’ossigenazione del materiale e l’installazione di una stazione di spremitura del rifiuto umido che consente di rimuoverne la parte liquida, con conseguente riduzione dei tempi di compostaggio e aumento della qualità del compost finale.

 

Il Consiglio di Bacino Priula e i numerosi rappresentanti dei Comuni serviti – in particolare il Sindaco di Trevignano Ruggero Feltrin, esprimono grande soddisfazione per la conclusione dei lavori: un’opera attesa a lungo indispensabile per la corretta gestione del rifiuto organico, che consentirà di produrre ottimo compost utilizzato per concimare i terreni agricoli. Un esempio concreto e virtuoso di economia circolare.

 

(Nelle foto macchinari all’interno dell’impianto ed il presidente Zanata)

 

Leggi altre notizie di Montebelluna

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×