19/10/2017nebbia e schiarite

20/10/2017tempo nebbioso

21/10/2017variabile

19 ottobre 2017

Oderzo Motta

Nuove tecnologie nelle case Ater di Oderzo

La sperimentazione partirà in otto alloggi in collaborazione con Amministrazione comunale e Ulss

commenti |

la presentazione del progetto di giovedì mattina in sala consiliare ad Oderzo

ODERZO - Il futuro è adesso: tecnologie domotiche e biomedicali, al centro della sperimentazione in otto nuclei famigliari Ater, residenti a Oderzo e selezionati dall’Azienda Usll.

Il progetto, lanciato dal Ministero dell’istruzione, mira a creare un modello di assistenza al cittadino, basato su una rete di servizi sanitari e sociali integrati mediante dispositivi interoperabili.

Il progetto, partito nel 2014, terminerà con la sperimentazione negli alloggi Ater di Oderzo e si pone l’obiettivo di erogare servizi innovativi e attualmente difficilmente proponibili visti i costi elevati. Una sperimentazione quella approvata dal MIUR, Università e Ricerca, che mira a portare l’alta tecnologia a servizio dei cittadini, in questo caso anziani, migliorandone la qualità di vita.

Il progetto, denominato Health@Home, è una raccolta dati finalizzata all’avvio di servizi sanitari, servizi territoriali e servizi sociali che sfruttino le prerogative delle nuove tecnologie a vantaggio di persone o famiglie con specifiche o riconosciute difficoltà e per garantire maggiore autonomia all’interno dell’ambiente domestico.

Una parte fondamentale del progetto sarà incentrata sulla verifica della funzionalità della rete di sensori integrata, realizzata per un contesto residenziale e caratterizzata da dispositivi di controllo domotici e biomedicali che verranno installati negli alloggi Ater e che permetteranno di analizzare i dati e i segnali legati alla quotidianità di persone anziane, al fine di definire una serie di servizi adatti alle differenti necessità dei singoli utenti.

E’ chiaro quindi che durante la sperimentazione non verranno erogati servizi, ma verranno ipotizzati e analizzati le possibili prestazioni che si possono implementare sulla base delle informazioni raccolte. Alla fine della sperimentazione, la lista dei servizi realizzabili, utilizzando i dati e segnali raccolti, diventerà uno dei risultati più importanti dell’intero progetto.

"La scelta degli alloggi nel Comune di Oderzo è stata del tutto strategica - spiega il Commissario straordinario dell’Ater di Treviso Luca Barattin – in quanto gli utenti di via Roma e via Fausto Coppi, individuati attraverso un confronto con l’Azienda Usll, rispettano i requisiti richiesti dal progetto e gli appartamenti presentano le caratteristiche necessarie all’installazione della tecnologia prevista."

"La peculiarità della sperimentazione di H@H è quella di unire informazioni e dati sull’ambiente di vita con misure di parametri fisiologici. - spiega il Responsabile scientifico della sperimentazione Gian Marco Revel dell’Università Politecnica delle Marche – Ciò consentirà per la prima volta di avere una descrizione globale dello stile di vita delle persone coinvolte, degli effetti che questo può avere sulla salute e dei servizi che si possono erogare per migliorare la qualità della vita a casa."

Commenta il sindaco di Oderzo, Maria Scardellato: "Sono molto contenta che questa sperimentazione venga fatta ad Oderzo. Si tratta di un interessante progetto, ad alto contenuto tecnologico, che potrà avere risultati molto utili per i cittadini. Grazie dunque all’ingegner Luca Barattin, commissario Ater, per la sua visione aperta verso il futuro e grazie alle otto famiglie di via Roma e di via Coppi che hanno dato la loro disponibilità, dimostrandosi interessate e aperte alla sperimentazione."

Nella foto, un momento della presentazione del progetto di giovedì mattina in sala consiliare ad Oderzo

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×