21/06/2018possibile temporale

22/06/2018possibili piovaschi

23/06/2018quasi sereno

21 giugno 2018

Montebelluna

Notte del Liceo Classico, in più di quattrocento hanno assistito

Quindici le produzioni presentate dagli studenti

commenti |

MONTEBELLUNA - Mobilitato l’intero Liceo Levi di Montebelluna per celebrare la quarta edizione nazionale della Notte del classico. Dalle 17 alle 24 una serie di performance ha raccontato il mondo classico e la cultura in generale: una serie di lavori inediti con cui gli studenti hanno messo in gioco le conoscenze, le abilità personali e gli studi fatti al Liceo. Dopo una conferenza di storia della musica nell’antica Grecia della professoressa Antonella Tracinà, docente di filosofia, nelle diverse aule dell’Istituto gli studenti si sono esibiti come attori, musicisti, artisti, cantanti e registi.

 

I circa quattrocento spettatori de “La Notte del classico” hanno potuto assistere alla riproposizione di brani di Euripide (Medea), Goldoni (I pettegolezzi delle donne), Plauto (Amphitruo); ascoltare alcuni brani classici proposti dalla neonata orchestra dell’Istituto o brani degli Oasis interpretati dallo strano gruppo dei “Pink Freud”; assistere alla originale performance sul frontone del Partenone, riproposto con i corpi dei ragazzi; attraversare il labirinto di Minosse tra i corridoi del Liceo. Tra le opere autoprodotte un originale filmato sulla memoria dell’Olocausto e una serie di diapositive animate sulla Via Aurelia, strada romana che un tempo collegava Padova ad Asolo. Piacevoli e sentite le interpretazione delle poesie di Catullo e degli autori inglesi Auden, Carrol, Angelou.

 

Una classe ha riletto per il pubblico alcuni passi de “L’origine della Tragedia” di Friedrich Nietzsche, un’altra ha proposto la lettura di testi in greco moderno. Oltre ai genitori degli allievi erano presenti molti cittadini di Montebelluna, assai attenti a quello che gli studenti del loro Liceo proponevano. Alle 20 si è svolta la consegna delle borse di studio ai migliori allievi dello scorso anno. Ecco i premiati: Laura Marchetti, Davide Mondin, Gianluca Beghin, Andrea Semenzin, Matteo Forner, Sara Fornasiero, Anna Chiara Bordin e Francesco Bianchin destinatario anche del premio nazionale del Ministero dell’Istruzione.

 

Premiato Arturo Caseley, progettista del nuovo logo dell’Istituto, riconoscimento proposto dalla componente studentesca del Liceo Levi.  Il dirigente Ezio Toffano si è congratulato con i vincitori e ha sottolineato l’impegno dell’Istituto non solo nel sostenere gli allievi nel momento della difficoltà, con sportelli, corsi di recupero e iniziative di sostegno di vario tipo, ma anche nel riconoscere il merito di chi raggiunge risultati di eccellenza.

 

Alla cerimonia erano presenti anche l’assessore all’istruzione del Comune di Montebelluna, Claudio Borgia, e l’Assessore alla cultura Debora Varaschin. Un ringraziamento particolare il dirigente lo ha rivolto a tutti i docenti che hanno contribuito alla buona riuscita della manifestazione che ha richiesto un lunga e attenta preparazione. Un plauso particolare è rivolto alle referenti dell’iniziativa, professoresse Rosa Anna Ruperti e Maddalena Monico. Alle 24 con la lettura in contemporanea nazionale in greco e italiano, in versione integrale, dell’inno pseudomerico “A Selene”, è terminata la quarta edizione de “La notte del classico”; per gli studenti continua invece l’avventura al Liceo, accompagnati dalle parole e dalle opere dei classici greci e latini.

 

Leggi altre notizie di Montebelluna

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.938

Anno XXXVII n° 12 / 21 giugno 2018

SULLA MIA PELLE

Il tatuaggio: una moda vecchia 5300 anni

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×